Materassi hi-tech, quali caratteristiche ti fanno dormire meglio e quali sono inutili

I materassi hi-tech promettono maggiore comfort. Scopriamo quali sono gli elementi imprescindibili e quali quelli futili o inefficaci

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: Wikimedia

Quando si acquistano materassi hi-tech, ci si imbatte generalmente in un gergo altisonante. La buona notizia è che per quanto riguarda il comfort, alcune caratteristiche sono poco importanti, se non inutili. Nell’acquisto di un materasso, è fondamentale valutare la sua capacità di fornire il miglior supporto per la schiena e per i fianchi. È, quindi, importante recarsi in una rivendita sapendo esattamente che tipo di prodotto si sta cercando e testare in prima persona la comodità di tutti i materassi.

Vediamo quattro punti che vengono messi sovente in luce dagli addetti alla vendita, ma che possono non fare la differenza in termini di comfort percepito e che, anzi, rendono alcuni materassi inutili. I primi elementi sono le bobine. Dal loro numero, maggiore o minore che sia, dipende la misura del sostegno. La maggior parte dei materassi a molle possiede da 600 a 1000 bobine; le variazioni, quali bobine a clessidra, a filo continuo o a molle insaccate individualmente non risultano fornire maggiore supporto.

Un’altra caratteristica dei materassi hi-tech, che si affiancano ai cuscini hi-tech, è rappresentata dagli strati di schiuma Hybrid. Questi materassi in genere hanno uno strato di schiuma sulla parte superiore, che dovrebbe migliorare la comodità rispetto ai materassi a molle, ma affinché influisca positivamente sulle valutazioni deve avere uno spessore di diversi centimetri. Inoltre, il gel presente nel materasso dovrebbe mantenere la pelle fresca durante la notte e, quindi, migliorare la qualità del sonno. Questo effetto non si riscontra, però, nei materassi hi-tech con gel-infuso. Risultano, spesso, più freschi i materassi a molle.

Chiudiamo con l’optional che dovrebbe regalare un extra supporto lombare. Chi non vorrebbe un ulteriore sostegno per la parte bassa della schiena? Purtroppo, però, molti materassi hi-tech non hanno mostrato alcun beneficio significativo. Detto questo, esistono alcune caratteristiche che non hanno nulla a che fare con il comfort, ma che meritano di essere prese in considerazione nella fase di acquisto. Pensiamo ad esempio al coprimaterasso amovibile, molto piacevole per la facilità di pulizia. Oppure alla certificazione verde, che consente di scegliere il materasso che non emette sostanze chimiche dannose. Infine, alle maniglie laterali che aiutano a girarlo.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti