Max Giusti, dopo Pechino Express conduce un programma in Rai

Sarà Max Giusti il prossimo conduttore di Boss in Incognito, ma con la Rai non c'è ancora alcun contratto: cosa ne pensate?

16 Aprile 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: ANSA

L’avventura a Pechino Express di Max Giusti – in coppia con Marco Mazzocchi ne I Gladiatori – non si è conclusa con una vittoria, anche se indubbiamente Giusti e Mazzocchi hanno conquistato l’affetto del pubblico. Per Giusti, tra l’altro, ora si apre una nuova parentesi grazie proprio alla partecipazione a Pechino Express, visto che il contratto e gli impegni presi sul Nove (dove aveva condotto recentemente il quiz Boom!) si sono interrotti permettendo appunto al presentatore di prendere parte allo show itinerante in onda su Rai2.

Sempre sui canali di Mamma Rai, ora Max Giusti si prepara a raccontare e condurre Boss in Incognito. “Alla Rai mi hanno detto: iniziamo da qui. Mi hanno fatto capire che Pechino sarebbe stato solo il primo passo. Volevano che mostrassi al pubblico la persona, non il professionista” ha raccontato a Il Messaggero, spiegando dunque in che modo è avvenuto il graduale ingresso in Rai. “Ormai si va avanti un pezzo alla volta” ha poi aggiunto il conduttore, specificando dunque che non c’è in essere alcun contratto, almeno per ora.

Il format dovrebbe andare in onda il prossimo autunno, anche se l’emergenza sanitaria ci porta a navigare a vista. Max Giusti mancava dalla Rai dalla stagione 2015-2016, durante la quale aveva partecipato a Tale e Quale Show e al DopoFestival di Sanremo. Oltre al Nove (in cui aveva condotto Boom!Chi ti conosce?C’è posto per 30?), negli ultimi anni era anche apparso a Mai Dire Talk, sulle reti Mediaset. Boss in Incognito, prima di Giusti, aveva invece visto al timone sono Costantino della Gherardesca (narratore e autore proprio di Pechino Express), Flavio Insinna, Nicola Savino e Gabriele Corsi. Basato sul format britannico Undercover Boss, Boss in Incognito racconta l’avventura di un imprenditore a capo di un’azienda, che assume le sembianze di un dipendente della sua società senza farsi riconoscere per vivere ‘per un po” la vita dei suoi impiegati.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti