Mazzoncini ai pendolari: i prezzi degli abbonamenti Tav restano molto bassi

"Sono stati rimodulati per venire incontro a esigenze di tutti"

Fonte: Copyright (c) APCOM.

Roma, 18 gen. (askanews) – I prezzi degli abbonamenti per l’Alta velocità di Trenitalia “sono ancora molto bassi”. Lo afferma l’amministratore delegato delle Fs, Renato Mazzoncini, dopo le polemiche sugli aumenti decisi dalla società. “Gli abbonamenti – sottolinea Mazzoncini – li abbiamo mantenuti, a differenza di altri. I prezzi sono stati rimodulati per venire incontro alle esigenze di tutti: dei pendolari, grazie alla differenziazione per fasce e giornate di viaggio, dei clienti non abbonati che spesso non trovano posto e dell’impresa di effettuare un servizio che sia in equilibrio economico”.

“Nonostante questa rimodulazione – spiega l’ad in un’intervista su Repubblica – sottolineo che i prezzi degli abbonamenti sono ancora molto bassi, tant’è che sull’Alta velocità siamo gli unici a proporli: lo sconto è tra il 68% e l’82% rispetto alla somma dei singoli viaggi, superiore allo sconto degli abbonamenti dei regionali che è in media del 50%. L’unica altra soluzione che intravedo – conclude Mazzoncini – è quella di un intervento pubblico a favore dei pendolari, tra l’altro già attivo in Emilia Romagna”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti