Miele cristallizzato, come farlo tornare liquido

Come comportarsi quando il miele si solidifica? Ecco i due metodi per riportarlo allo stato naturale senza alterarne le proprietà.

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Soprattutto d’inverno non è raro che il miele si cristallizzi, ovvero diventi duro e sia difficile da utilizzare. La prima buona notizia, però, è che questo non vuol dire che il prodotto che abbiamo comprato sia di scarsa qualità o addirittura scaduto. È del tutto normale e potremmo consumarlo anche così, ma se proprio ci serve liquido allora ci sono un paio di trucchetti infallibili (puoi adottare un alveare e ricevere il miele a casa, leggi qui)

Il miele è un prodotto costituito da acqua (18% circa) e zuccheri (glucosio e fruttosio, 75% circa). L’acqua, ovvero il solvente, è in quantità inferiore rispetto agli zuccheri, cioè al soluto. Ciò comporta la separazione del glucosio dall’acqua e la formazione dei cristalli. Nel processo di cristallizzazione è determinante anche il rapporto tra i due zuccheri (glucosio e fruttosio), e quando il glucosio è in proporzioni superiori rispetto al fruttosio la cristallizzazione subisce un’accelerazione. Bisogna anche tenere conto del fatto che basse temperature velocizzano la separazione del glucosio dall’acqua: è questo il motivo per cui d’inverno è molto più facile che il miele si cristallizzi. Questo processo però non è uguale per tutti i tipi di miele: quelli in cui il fruttosio è più abbondante cristallizzano meno, come il miele di acacia, di castagno o la melata.

Ma come fare per riportare il miele ad uno stato liquido? Fermo restando che può essere consumato anche se ha una consistenza più densa dal momento che le proprietà non subiscono alcuna modifica, ci sono due metodi per riportarlo allo stato naturale senza alterarne le caratteristiche benefiche. Il primo è quello di riscaldare il prodotto a bagnomaria a una temperatura di non più di 40 gradi centigradi, mescolando fino a che i cristalli non risulteranno sciolti. Il secondo, invece, è quello di inserire il barattolo di miele nel microonde senza tappo per 5 secondi, e poi mescolare. Ripetere l’operazione qualora non bastasse.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti