Milan: svelati i divieti di Montella. Ma c'è un trasgressore

L'allenatore rossonero ha imposto una serie di divieti che stanno scontentando i giocatori.

Ci sono allenatori che vietano ai giocatori, soprattutto alla vigilia di importanti kermesse come gli Europei o i Mondiali o quando le cose vanno male, di poter intrattenersi in intimità con le rispettive mogli e fidanzate. Altri che addirittura vietano proprio di vederle, come se più che un ritiro fosse il 41 bis. Poi può capitare di tutto, a seconda delle idee del mister: niente serate di baldoria piuttosto che orari ben precisi e chi più ne ha più ne metta.

Quando però un allenatore impone dei divieti e la squadra inizia a perdere colpi, è inevitabile che sorga qualche malumore e che qualcuno interno all’ambiente possa spifferare i dettagli ai giornali. Come probabilmente è accaduto in questo caso, visto che il Milan ha ottenuto una sola vittoria nelle ultime sei giornate di campionato (allontanandosi inesorabilmente dalla zona Europa) e che è anche stato eliminato dalla Coppa Italia. E visto che su Repubblica hanno reso noti i divieti imposti da Vincenzo Montella e dal suo preparatore atletico di fiducia, Emanuele Marra.

I due avrebbero infatti imposto una rigidissima dieta a base di soia e kamut, dalla quale sarebbero stati inoltre banditi categoricamente carne rossa e pomodoro.

Ecco, nel dettaglio, in cosa consiste l’alimentazione dei giocatori rossoneri: zuppa di verdure e riso basmati o pasta di kamut integrale con ragù bianco di pollo alla vigilia delle partite; pasta di kamut con pesto vegetale e tacchino alla piastra il giorno delle gare; frutta secca e riso venere con carote e piselli oppure lasagne integrali di radicchio rosso con besciamella vegetale dopo essere scesi in campo.

Anche per quanto riguarda il beveraggio le restrizioni non mancano: succhi di frutta e bibite zuccherate vanno rifuggite come la peste, al loro posto sono però contemplati latte di soia e latte di cocco.

Ma (almeno) uno degli scontenti giocatori ha confessato di trasgredire e di infilarsi di nascosto in qualche ristorante: “Se mangio la carne mi alleno meglio”, avrebbe confessato.

E pensare che un menu del genere sarebbe stato un lusso per Pippo Inzaghi, che si imponeva di mangiare solamente qualche fettina di bresaola e poco altro. E meno male che Sergio Ramos non sia tesserato con il Milan, altrimenti chissà cosa ne avrebbe fatto di quel prosciutto scambiato per la sua maglia del Real Madrid.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti