Milano è la città italiana con il più alto numero di denunce

Il capoluogo lombardo è al primo posto in questa triste classifica. Fanalino di coda Oristano

29 Ottobre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123rf

Triste primato per Milano, che si aggiudica il titolo di città italiana con il più alto numero di denunce. A stilare la classifica, come riporta Imbruttito.com, è Il Sole 24 Ore, che ha pubblicato l’indice di criminalità nelle province italiane. Nel corso del 2020 Milano ha collezionato ben 4.866,3 denunce ogni 100mila abitanti, per un totale di 159.613 esposti.

Al secondo posto in questa poco lusinghiera classifica c’è Bologna con 4.636,6 denunce ogni 100mila abitanti, e al terzo posto Rimini, con 4.603,4. Fanalino di coda, e in questo caso è un vanto, Oristano, che a questo punto sarebbe la città più sicura. Oppure quella in cui si denuncia di meno.

Per quel che riguarda Milano le denunce riguardano più che altro furti, ben 72.443. Spopolano i furti con destrezza (13.940) e furti su auto in sosta (10.199). La città è al secondo posto per le denunce di furti in esercizi commerciali, ben 5749. Terzo posto per numero di denunce di furti con strappo (1526), rapine (2568) e rapine in esercizi commerciali (312). Quarto posto invece per danneggiamenti (23.712) e rapine in pubblica via (1623).

Restando in Lombardia, Mantova e Brescia si sono classificate rispettivamente al primo e secondo posto per le denunce relative ai delitti informatici. Secondo lo studio, nel 2021 c’è stato un boom di reati informatici: sono stati 800 al giorno nei primi sei mesi dell’anno. La cosa non sorprende visto che dilagavano ancora non poco le restrizioni per la pandemia.

Ancora Mantova si è classificata al secondo posto per le rapine negli uffici postali. Pavia invece è il primo capoluogo per numero di denunce relative al riciclaggio e impiego di denaro. Se nei mesi di lockdown anche i ladri avevano visto diminuire le loro “opportunità di lavoro”, adesso occorre tornare a stare molto attenti perché i malviventi sono tornati alla carica. Sono tornati a salire, infatti, i furti con strappo (+35%), e quelli di motocicli e di autovetture (+16%).

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti