Misteriosa nave vichinga ritrovata sotto terra in Scozia

In Scozia è stata rinvenuta una nave vichinga, scatenando un vero e proprio mistero

Fonte: iStock

In Scozia è stata ritrovata una nave vichinga utilizzata come tomba, per un guerriero di rango elevato. La nave è stata rinvenuta nel 2011 nella penisola Ardnamurchan in Scozia occidentale e al suo interno conteneva un corredo funebre. Si tratta della prima sepoltura di questo tipo rinvenuta sul continente britannico.

Le sepolture dei vichinghi in barca sono piuttosto rare. Gli archeologi stimano che venissero utilizzate a partire dalla fine del nono secolo, in un’epoca in cui i vichinghi esploravano e commerciavano lungo le isole britanniche.

Un’indagine approfondita, pubblicato sulla rivista Antiquity, ha rivelato gran parte del rito funerario vichingo che veniva utilizzato in questa remota parte della Scozia. Tuttavia, rimane qualche mistero.

La nave si è decomposta nel terreno molto tempo fa, proprio come le ossa del defunto, che sono scomparse. L’unico segno rimasto sono due denti (dei molari), che sono stati analizzati dagli studiosi. L’impossibilità di definire il sesso del defunto, hanno alimentato nei ricercatori l’ipotesi che nella tomba fosse sepolta una donna, anziché un uomo.

“La sepoltura è probabilmente quella di un uomo – ha spiegato Oliver Harris, direttore delle transizioni Progetto Ardnamurchan (ATP) presso l’Università di Scuola di Archeologia e Storia Antica di Leicester -. Ma poiché abbiamo solo due denti è impossibile stabilire il sesso in modo definitivo. Per questo è probabile che questa sia la sepoltura di una donna”.

All’interno della sepoltura a forma di nave erano presenti alcuni manufatti tra cui una spada, un’ascia, un vaso per bere, un mestolo, una falce ed alcuni anelli.

“Non c’è niente di femminile di per sé nella tomba – ha spiegato lo studioso – anche se naturalmente ci sono un sacco di oggetti – la falce, il mestolo, il coltello, gli anelli – che non sono di sesso maschile”.

La tomba è stato riempita nella parte superiore con delle pietre che sarebbero state prelevate da una sepoltura neolitica.

L’analisi isotopica dei denti suggerisce che il defunto era probabilmente cresciuto in Scandinavia e consumava moltissimo pesce.

Ancora più importante il fatto che  la sepoltura vichinga rivela la crescente relazione tra la Scozia e il mondo vichingo in quel periodo storico. Non solo: nella nave era presente anche una roccia proveniente dalla Norvegia e un anello in bronzo preso dall’Irlanda.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti