Tutto vero: Moccia a processo per 'Scusa ma ti chiamo amore'

Federico Moccia è finito sotto processo con l’accusa di aver evaso le tasse, gonfiando le spese del suo film “Scusa ma ti chiamo amore”

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Facebook

Non si tratta, come si era pensato all’inizio, di una bufala, ma è tutto vero: Federico Moccia è stato accusato di aver evaso le tasse per il suo film “Scusa ma ti chiamo amore”. Secondo il pm Mario Dovinola, lo scrittore e regista avrebbe gonfiato le spese di lavorazione del film con lo scopo di evadere le imposte, indicando nella sua dichiarazione dei redditi delle prestazioni mai ricevute. Il reato a cui fa riferimento la procura risale al 2007-2008, quando Federico Moccia non avrebbe versato nelle casse dello stato oltre un milione e quattrocento mila euro. Una cifra particolarmente alta, che ha portato l’autore di “Tre metri sopra il cielo”,  in tribunale. Durante il processo Moccia si è difeso spiegando che “in un procedimento simile sono già stato assolto, come provano anche gli assegni a riscontro dei pagamenti”.

Era il 2007, quando Moccia decise di portare al cinema il film “Scusa ma ti chiamo amore”, tratto dal suo omonimo romanzo. Protagonisti del film Raoul Bova e Michela Quattrociocche, nei panni di Alex e Niki, impegnati a vivere una relazione contrastata. Per il film il regista avrebbe richiesto l’assistenza della MR Trade e della Emmebi srl, che avrebbero effettuato delle interviste in tutta Italia a persone di diversa età, che sarebbero poi servite a Federico Moccia per la pellicola.

Queste prestazioni però non convincono i pm, secondo cui le fatture presentate da Moccia sarebbero servite solamente per evadere le tasse. La Guardia di Finanza, dopo una serie di controlli, non è riuscita a risalire alla sede delle società o, per meglio dire, vi ha trovato solamente degli uffici vuoti. Il pm Gianluca Mazzei nel corso del processo ha chiesto spiegazioni a Moccia anche riguardo alcune fantomatiche ricerche di mercato che sarebbero costate 444 mila euro. “Non ricordo, c’era un contratto” ha risposto Moccia, che ora attende la sentenza a inizio maggio.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti