Morto Fidel Castro, leader della rivoluzione a Cuba

È morto Fidel Castro, leader della rivoluzione cubana ed ex presidente. Ad annunciarlo il fratello Raul sulla tv di stato

Fonte: Instagram

È morto Fidel Castro, ex presidente cubano e leader della rivoluzione comunista sull’isola. Castro si è spento a L’Avana all’età di 90 anni. A dare l’annuncio della sua morte è stato il fratello Raul sulla tv statale di Cuba.

“Caro popolo di Cuba – ha esordito Raul Castro, che da tempo aveva preso il posto di Fidel al comando del partito – è con profondo dolore che compaio per informare il nostro popolo, gli amici della Nostra America e del mondo, che oggi 25 novembre del 2016, alle 10.29, ore della notte, è deceduto il comandante in capo della Rivoluzione Cubana Fidel Castro Ruz”.

Il presidente cubano ha trattenuto a stendo la commozione, annunciando che Fidel Castro verrà  cremato oggi. “Nel compiere l’espressa volontà del compaño Fidel- ha continuato Raul – i suoi resti saranno cremati sabato 26. La commissione che organizzerà i funerali darà al nostro popolo un’informazione dettagliata sull’organizzazione dell’omaggio postumo che verrà tributato al fondatore della ‘Revolucion Cubana’. Hasta la victoria siempre”.

Dittatore sanguinario per i nemici ed eroe per il mondo della sinistra, Fidel Castro è stato il protagonista indiscusso della rivoluzione cubana per sessant’anni, combattendo una lunga battaglia contro gli Stati Uniti. Per gli abitanti di Cuba, Fidel Castro è sempre stato il Comandante, una figura a metà fra storia e leggenda. Di lui si diceva: “non dorme mai”, oppure “non scorda nulla”, ma anche “è capace di penetrarti con lo sguardo e sapere chi sei” e”non commette sbagli”. Dopo aver guidato il paese con il pugno di ferro poco prima di compiere 80 anni è stato colpito da una grave emorragia all’intestino di rientro da un viaggio  in Argentina. La malattia l’aveva spinto a delegare il potere al fratello Raul in modo definitivo nel febbraio 2008, dando il via ad una nuova era per Cuba, con riforme economiche e l’apertura nei confronti degli Stati Uniti. Nel 2003, rivolgendosi ai cubani, aveva affermato : “Rimarrò con voi, se lo volete, finché avrò la consapevolezza di potere essere utile, se prima non lo decide la stessa natura. Né un minuto prima né un secondo dopo”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti