0, 1, 0, 0, 0, 0, 0 trend

È morto Pete Burns, mito degli anni ‘80 e cantante dei Dead or Alive

Pete Burns, cantante del gruppo Dead or Alive, è morto a 57 anni per un arresto cardiaco

È morto Pete Burns, storico membro dei Dead or Alive. L’eccentrico cantante se n’è andato a 57 anni per un arresto cardiaco. “Era un vero visionario, pieno di talento, la sua famiglia e i suoi amici sono devastati dalla sua perdita” si legge in un comunicato stampa diffuso dal suo manager.

Era stato proprio lui ad interpretare sul palco la canzone che ha fatto la fortuna dei Dead or Alive: You spin me round (like a record), brano del 1985, divenuto una hit nelle classifiche di tutto il mondo e accompagnato da un video indimenticabile in cui Pete Burns canta vestito con un kimono e con una benda da pirata sull’occhio.

Un successo, quello della band, ancora oggi inarrivabile. Dopo Youthquake, l’album in cui era contenuta You spin me round (like a record), i Dead or Alive iniziarono a pubblicare sempre meno. In quel periodo Pete Burns iniziò un periodo di profonda trasformazione spirituale e fisica, mutando il suo aspetto con diversi interventi chirurgici. Nel 2006 entrò nella casa del Grande Fratello Vip inglese dando scandalo. Dichiarò di possedere una pelliccia di gorilla e l’oggetto gli fu confiscato dalla polizia, poco dopo divenne protagonista di un reality dal titolo: “Gli incubi della chirurgia cosmetica di Pete Burns” in cui raccontava i tanti problemi incontrati dopo essersi sottoposto agli interventi di trasformazione. Nel 2015 dichiarò bancarotta e si allontanò dalle scene.

Class 1959, Pete Burns era nato a Bebington, Cheshire, e cresciuto a Liverpool. Fra i suoi amici più famosi Morrissey, ma soprattutto Boy George, con cui c’è stata sempre una forte rivalità e amicizia, che durava da tempo. Il cantante, appresa la notizia della morte del cantante dei Dead or Alive, ha voluto ricordarlo su Twitter: “Sono in lacrime per la morte di Pete Burns. Era uno dei grandi veri eccentrici e ha avuto un grande ruolo nella mia vita. È difficile crederci”.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti