Nascono i locali per pensare: niente cellulari, tv o karaoke

Avete bisogno di staccare la mente dal rumore digitale attorno a voi? Esistono dei locali dove poter pensare e riflettere senza telefoni, tv o musica

Il regalo più importante che potremmo fare a noi stessi e alle persone a cui vogliamo bene è sicuramente il tempo: troppo spesso, infatti, ci accorgiamo quando è troppo tardi di aver sprecato la serata davanti al computer o allo smartphone per controllare i nostri social, aggiornarci sulle ultime tendenze in fatto di moda quando invece avremmo potuto intavolare una discussione con il partner o semplicemente ritrovare il nostro equilibrio interiore.

Le distrazioni digitali di oggi contribuiscono in modo massiccio ad evitare il confronto con noi stessi e con le persone che ci stanno attorno, così entrare in un bar e chiudersi con le cuffiette alle orecchie e il cellulare in mano (come tieni il telefono? Ecco cosa rivela di te) è uno spettacolo sempre più scontato: parlare, far circolare le proprie idee o ascoltare quelle degli altri sta diventando un’utopia che invece nel ‘900 ha portato alla nascita di movimenti artistici e culturali che hanno segnato per sempre la nostra storia.

Tutto perché esistevano dei locali in cui persone più o meno illuminate potevano parlare tra di loro, aprirsi, socializzare e conoscersi, dare e ricevere input (oggi invece esistono dei ristoranti in cui i clienti vengono imboccati perché troppo pigri), creare nuovi pensieri. Sull’onda di questo entusiasmo oramai perduto, sono nati da poco i cosiddetti locali della consapevolezza dove è possibile pensare indisturbati, chiacchierare e aprirsi con gli altri: l’aspetto più bello è la totale assenza di telefoni, computer, wi-fi, musica ad alto volume e tecnologia in generale. Bastano solo sedie, tavoli, cuscini e la volontà di confrontarsi con gli altri o con se stessi!

Negli ultimi anni la mindfulness è stata applicata ai più svariati campi della vita e i benefici del porre la massima attenzione al presente approfondendo e entrando in contatto con le sensazioni che si vivono in ogni momento sono assolutamente inconfutabili (prova a lasciar perdere la lavastoviglie per i piatti, ti sentirai molto meglio).

I locali per pensare stanno pian piano crescendo (questo bar in mezzo al nulla sarebbe perfetto), ma c’è bisogno della collaborazione di tutti affinché un’idea – una bella idea – si trasformi in un vero e proprio stile di vita basato sulla comunicazione e il dialogo: non dimentichiamoci che l’uomo è per definizione un essere sociale, non social!

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti