Nel mondo esiste un solo esemplare di giraffa bianca

Per proteggere l'animale, gli è stato impiantato un GPS per controllarne i movimenti. La giraffa soffre di leucismo, perdita di pigmentazione.

18 Novembre 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Facebook Planet Afryca

Le giraffe bianche sono rare, anzi rarissime. Tanto che sull’ultimo esemplare ancora in vita (da quello che sappiamo) è stato deciso di impiantare un GPS. A renderlo noto è stata la Ishaqbini Community Conservancy e la notizia è diventata poi virale sui social, dopo il post della pagina Facebook Planet Afryca.

“Una giraffa bianca molto rara con una condizione genetica altrettanto rara, nota come leucismo (perdita parziale di pigmentazione) – scrive proprio Planet Afryca – è stata vista in libertà nell’est del Kenya”. “L’animale ora ha un GPS che ne traccia i movimenti – continua il post – con l’obiettivo e l’impegno di proteggerlo dai bracconieri. L’animale più alto del mondo ha perso il 40% della sua popolazione in appena 30 anni. Teniamolo al sicuro”.

L’esemplare in questione è un maschio ed è affetto appunto da leucismo. Il leucismo può essere facilmente confuso con l’albinismo, ma – a differenza di quest’ultimo – non colora gli occhi (che di solito negli albini sono rossi). Proprio per la loro particolarità, questi animali sono facili prede dei bracconieri. Risale allo scorso marzo la notizia dell’uccisione di una giraffa bianca e del suo cucciolo. Si credeva che fossero gli ultimi due esemplari al mondo di giraffa bianca, quando in Kenya è stato avvistato un maschio ed è ovvio che il primo pensiero sia stato quello di proteggerlo.

Il GPS, in questo senso, ha diverse funzioni. Innanzi tutto, informa i ranger sulle condizioni di salute della giraffa, accertando il fatto che sia ancora in vita. Ne controlla poi i movimenti e ogni ora suona aggiornando i ranger sulla posizione dell’esemplare. Insomma il monitoraggio sembra una misura necessaria per proteggere l’animale da chi minaccia di eliminarlo. Del resto, al momento l’esemplare è unico al mondo per cui è imperativo far sì che resti in vita il più a lungo possibile.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti