Nell’Artico raggiunti i 38°C nel 2020: la conferma dell’ONU

Le Nazioni Unite hanno certificato la temperatura record raggiunta in Siberia nel 2020.

17 Dicembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

È arrivata la conferma da parte dell’ONU che certifica la temperatura record raggiunta in Siberia a giugno del 2020. La notizia, come riporta Montagna Tv, riveste dunque di ufficialità quanto registrato nella località di Verkhoyansk (Russia) che si trova a circa 115 km a Nord del Circolo Polare Artico. Era precisamente il 20 giugno 2020 quando il termometro saliva come mai era successo prima, arrivando a toccare i 38 °C corrispondenti a 100,4 °F.

A più di un anno di distanza, le Nazioni Unite, hanno certificato questo dato che lascia davvero a bocca aperta. Un evento da record che, citando il tweet pubblicato sul profilo World Meteorological Organization (WMO), “si è verificato durante un’ondata di caldo prolungata, che sarebbe stata quasi impossibile senza il cambiamento climatico”.

Il dato è preoccupante ed è indice di un “processo di riscaldamento dell’Artico” su cui il WMO sta concentrando le proprie indagini. Gli esperti, infatti, sono ancora al lavoro su molte aree gelide del nostro Pianeta dove sono state segnalate temperature insolitamente alte nel corso dello stesso anno solare.

La stessa organizzazione, poi, in una nota ha sottolineato come i 38°C siberiani siano una temperatura più adatta al bacino del Mediterraneo. Un confronto che ci fa capire quanto il surriscaldamento in atto stia modificando profondamente il volto degli ambienti naturali. Soprattutto perché picchi di calore analoghi a quella della Russia non sono più solo un fenomeno isolato.

Sempre il 2020, riporta ancora Montagna TV, ha fatto registrare nelle medesime zone artiche della Siberia temperature superiori di oltre dieci gradi rispetto alla media per gran parte dell’estate. Una volta raccolto il dato record dalla stazione meteorologica, la validazione ha richiesto alla commissione WMO una duplice verifica.

In primo luogo, il valore è stato confrontato con quelli raccolti nelle stazioni limitrofe nello stesso periodo in modo da valutarne la coerenza. Quindi, si è proceduto a controllare la regolarità della strumentazione per escludere qualsiasi tipo di problema tecnico. Solo così, l’ONU ha potuto certificare il primato di Verkhoyansk come centro della Siberia che ha raggiunto la temperatura più alta mai segnata “in corrispondenza o più a Nord dei 66,5° del Circolo Polare Artico”.

https://twitter.com/WMO/status/1470708121697927177?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1470708121697927177%7Ctwgr%5E%7Ctwcon%5Es1_c10&ref_url=https%3A%2F%2Fwww.montagna.tv%2F192660%2Flonu-conferma-raggiunta-nellartico-una-temperatura-record-di-38c%2F

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti