'No Time To Die' esce nel 2021, Daniel Craig: "Non è il momento"

Daniel Craig ha difeso la scelta della casa di produzione di posticipare l'uscita del prossimo film su 007 al 2021. "Incrociamo le dita" ha detto.

6 Ottobre 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Ansa

Il mondo del cinema sta attraversando un momento durissimo e lo dimostrano i continui rinvii e posticipi (con annesse polemiche) dell’uscita dei lungometraggi nelle sale. Il mondo di James Bond non fa, purtroppo, eccezione. E così anche l’agente 007 dovrà attendere il proprio turno. No time to die, il 25esimo titolo della saga cinematografica dedicata al celebre agente segreto, arriverà dunque ufficialmente nelle sale nel 2021, più precisamente ad aprile. La pandemia, la quarantena forzata, il distanziamento sociale sono tutte le cause che hanno portato la produzione a questa decisione. E, se il pubblico storce il naso assistendo continuamente al posticipo dell’uscita nelle sale dei loro attesissimi film, l’attore Daniel Craig ha deciso di difendere pubblicamente e platealmente la decisione del suo staff.

Durante una sua ospitata al The Tonight Show With Jimmy Fallon il 5 ottobre – il James Bond Day, per chi non lo sapesse – Daniel Craig ha infatti dichiarato: “Ciò che sta accadendo è più grande di tutti noi. Vogliamo solo che la gente vada a vedere il film nel modo giusto, in modo sicuro”.

“I cinema di tutto il mondo al momento sono chiusi. – ha poi continuato l’attore – Vogliamo far uscire il film nello stesso momento in tutto il mondo, e questo non è il momento giusto”.

“Per cui – ha concluso Daniel Craig – incrociamo le dita. Il 2 aprile sarà il nostro giorno”. La pazienza è del resto la virtù dei forti e lo sa bene Daniel Craig, per il quale No Time To Die sarà l’ultimo capitolo della sua storia nei panni di James Bond.

“Ho dato tutto ciò che avevo. – spiega infatti l’attore – Sono felice di essere tornato e aver girato quest’ultimo film. C’erano tanti archi narrativi che non abbiamo legato tra loro. La storia semplicemente non ci sembrava completa. Avevo bisogno di una pausa però. Lo dico apertamente”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti