Non gettare le bucce della cipolla nella spazzatura

Abbiamo sempre buttato via le bucce della cipolla perché convinti che non servissero, invece gli usi creativi sono molteplici: ecco quali

22 Aprile 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Alla base di soffritti saporiti, zuppe sostanziose, brodi nutrienti o frittatone della domenica, le cipolle costituiscono uno degli ingredienti portanti della nostra cucina e anche se spesso ci fanno versare lacrime amare (a proposito, ecco il metodo giusto per tagliare le cipolle senza piangere), dobbiamo ammettere che ci regalano grandi soddisfazioni tra i fornelli e allo stesso tempo altrettante sorprese.

Quanti di voi fino ad oggi erano convinti che le bucce delle cipolle andassero dritte dritte nella spazzatura? Sicuramente parecchi, eppure gli usi creativi che possiamo farne sono molteplici. Restando in ambito culinario, infatti, da Food & Wine apprendiamo che non sempre è necessario spellare le cipolle prima di metterle a cuocerle: se le lasciamo in infusione nel brodo o nella zuppa, per esempio, conferiranno un caldo colore bruno alla preparazione e un sapore molto più intenso.

Il bello però arriva al di fuori della cucina: avete mai pensato di preparare tinte naturali per capelli a base di bucce di cipolla? Chi ha tentato la strada del fai da te cercando di ottenere riflessi ramati e capelli nutriti e lucenti è riuscito nella missione.

Le bucce di cipolla, infatti contengono potenti antiossidanti che rigenerano il cuoio capelluto e nutrono le lunghezze: dai fitoncidi ai flavonoidi, alla vitamina C, E, B, e ancora troviamo in esse una buona concentrazione di carotene, ferro, potassio e fosforo (come vanno conservate le cipolle? Tutti i trucchi per non sbagliare).

Basta preparare un decotto più o meno denso a seconda dell’intensità delle nuances che vogliamo ottenere: si parte, per esempio, con una manciata di bucce da far bollire in abbondante acqua per circa 45 minuti mescolando spesso (fino a due ore se volete un risultato più marcato), lasciar raffreddare per due ore e applicare il composto sui capelli dopo lo shampoo per qualche minuto prima di risciacquare. Potete anche eseguire la stessa procedura per una seconda volta.

Le bucce di cipolla, inoltre, possono essere impiegate anche per realizzare tinte per tessuti: i passi da fare sono simili, soltanto che al posto dei capelli, la tinta viene adagiata e lasciata in posa sul filato scelto.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti