Non ordinare caffè o tè se voli a questo orario

Non sempre l'acqua che esce dal rubinetto dell'aereo è salutare: gli assistenti di volo vi spiegano il perchè

C’è chi, come Naomi Campbell, quando entra in aereo indossa guanti e mascherina, terrorizzata dai batteri: se si preoccupa la super top, abituata a viaggiare in primissima classe, come dovrebbero comportarsi i comuni mortali che normalmente siedono in economy?

Senza volersi lasciar prendere dalla germofobia (comunque lavatevi le mani dopo aver toccato queste cose), dovremmo in ogni caso avere qualche attenzione in più a quello che facciamo quando siamo in volo: ad esempio, sono proprio hostess e e steward a sconsigliare (ovviamente off record) di bere bevande calde in quota, come tè o caffè. Per preparare queste bevande viene usata l’acqua del rubinetto, che potrebbe avere una carica batterica anche elevata.

Esiste ovviamente un regolamento che obbliga le compagnie aeree a rendere potabile l’acqua a bordo dei velivoli, ma come e quando disinfettare i serbatoi è lasciato alla loro discrezionalità: è quindi sempre possibile che l’acqua che esce dal rubinetto, anche se potabile, sia comunque poco salutare. Nei casi più gravi potrebbe essere contaminata da batteri come l’E.Coli e non è detto che venga bollita abbastanza a lungo da eliminarli.

Per non rischiare, sarebbe meglio dire direttamente “no grazie!” all’hostess che ci chiede se vogliamo tè o caffè e optare per una bevanda in lattina, anche se è mattina presto. Se poi viaggiate con bambini piccoli (ecco cosa ha fatto questa mamma con il neonato in aereo), evitate di usare per loro l’acqua del rubinetto: in genere le compagnie aeree tollerano in cabina la presenza di liquidi, anche superiori ai canonici 100 ml, se si tratta di alimenti per neonati!

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti