Non vai a letto sempre alla stessa ora? Ecco cosa rischi

Dormire con regolarità è un lusso per molti di noi, anche andare a letto mezz’ora prima o dopo del solito può causare problemi alla salute

3 Aprile 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Con i ritmi frenetici a cui siamo abituati e la quantità di contenuti media disponibili su diversi device (ecco perché non riusciamo a smettere di guardare serie tv), andare a letto alla stessa ora è diventato un lusso per la maggior parte di noi: a maggior ragione, chi lavora su turni non riesce affatto a stabilire una certa regolarità nel riposo e ciò, a lungo andare, può incidere negativamente sulla nostra salute psico-fisica.

Sappiamo bene che dormire meno di 7 ore per notte significa alzarsi il giorno dopo avendo accumulato più stanchezza, che si traduce in una minor concentrazione, scarsa produttività e aumento del nervosismo (se di notte ti svegli sempre alla stessa ora non è un caso, ecco il segnale che ti sta mandando il tuo corpo).

Un team di ricercatori dell’Università di Notre Dame – coordinati da Nitesh Chawla direttore del Center for Network and Data Science –  ha analizzato anche un altro aspetto legato alla qualità del sonno e ai suoi effetti sul nostro organismo: sembra infatti che anche anticipare o posticipare l’orario in cui ci si corica abitualmente faccia male.

In particolare gli effetti maggiori di questa modifica riguardano il nostro cuore, dunque qualora la difficoltà di andare a letto sempre alla stessa ora diventi cronica nel tempo, a lungo andare potremmo assistere all’insorgenza di patologie e disturbi cardiaci. Dalla ricerca in questione, apparsa anche su su “npj Digital Medicine”, è emerso un aumento della frequenza cardiaca a riposo il giorno seguente, sia che ci si coricava prima dormendo più del normale, sia che invece l’orario slittava.

Lo studio è durato circa 4 anni e ha analizzato 557 studenti e complessivamente 255.736 sessioni di sonno prendendo in esame la quantità di sonno per notte, la qualità e infine i battiti cardiaci: i risultati hanno nettamente stabilito un incremento della frequenza fino al giorno dopo senza compiere grandi sforzi fisici.

“Per i lavoratori a turni e coloro che viaggiano frequentemente, andare a letto nello stesso momento ogni notte è una sfida. Stabilire una sana routine della buonanotte – come meglio puoi – è ovviamente il passo numero uno. Ma attenersi ad esso è altrettanto importante”, ha dichiarato Chawla.

Noi vi consigliamo, per addormentarvi più facilmente, di contare al contrario oppure bere una di queste bevande prima di andare a letto!

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti