Nuova batosta per il Pisa di Rino Gattuso

È giunta, infatti, l'annunciata notizia della revoca del permesso per giocare allo stadio Castellani di Empoli

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

La sfuriata di mister Gattuso non ha sortito gli effetti sperati, almeno per ora, tant’è che alle già controverse questioni riguardanti il Pisa calcio si aggiunge anche il tema stadio. È giunta, infatti, l’annunciata notizia della revoca del permesso per giocare allo stadio Castellani di Empoli – nel quale i nerazzurri avevano disputato le prime due gare stagionali – a seguito degli scontri tra ultras pisani e quelli bresciani nella partita del quarto turno di Serie B.

Una decisione prevedibile, quella assunta dal comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica con decisione unanime: “Il gesto di solidarietà sportiva della città ha fatto onore al nostro calcio – ha dichiarato il prefetto Giuffrida, a margine dell’incontro in cui era presente anche il presidente della Lega Serie B Abodi – ma è stato macchiato da fatti gravissimi, che non hanno giustificazioni”.

Dove si disputerà, dunque, l’incontro contro l’Ascoli in calendario nella prossima giornata di campionato? L’ipotesi più concreta, al momento, è che l’incontro si disputi a porte chiuse all’Arena Garibaldi, l’impianto societario considerato non a norma per la Serie B. Per quanto riguarda i lavori di adeguamento, il sindaco di Pisa Marco Filippeschi si è dichiarato pronto a far si che tutto proceda, ma sussiste un problema; le operazioni, infatti, non partiranno senza la stipula di una convenzione con il Comune per l’uso dello stadio. La società però non ha ancora inviato all’amministrazione alcun atto formale.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti