Occhiaie e occhi stanchi? I cibi da evitare

Un'alimentazione corretta aiuta ad evitare gli inestetismi della zona suboculare: ecco quali cibi è meglio lasciare stare

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Stress, troppe ore davanti a un monitor, sonno non regolare: sono tanti i fattori che possono concorrere all’insorgere di occhiaie e borse sotto gli occhi. Se un tempo erano addirittura sfoggiate con orgoglio perché indicative di uno stile di vita un po’ sopra le righe che in fondo in fondo faceva ‘cool’, oggi nessuno più vuole vederle quando si guarda allo specchio. Eppure non è così facile liberarsene, perché bisogna dire che a metterci lo zampino talvolta è anche una predisposizione genetica. Con l’alimentazione, però, possiamo almeno evitare di aggravare la situazione e tentare di tenerci alla larga da questi inestetismi così tanto odiati.

Ci sono infatti cibi che, per un motivo o per un altro, non sono per niente alleati nella lotta alle occhiaie. Innanzitutto i grassi: un’alimentazione troppo ricca in termini di grassi porta il fegato a lavorare più di quanto dovrebbe, e questo vuol dire che al risveglio ci si può svegliare con occhi appesantiti e gonfi. Meglio dunque non eccedere. Alcolici e sale, invece, favoriscono il ristagno dei liquidi: nella zona suboculare la componente adiposa può creare una sacca di ritenzione di liquidi andando a peggiorare la situazione. Per questo motivo sono da evitare anche quegli alimenti che a causa del tipo di lavorazione a cui sono sottoposti contengono quantità elevate di sale, come salumi, formaggi e salse.

Al contrario, ci sono altri cibi che fanno bene anche alla zona suboculare perché ricchi di ferro, vitamina C, vitamina E e antiossidanti che donano un effetto illuminante che contrasta i segni dell’età. Via libera allora a fegato e carni rosse in genere, crostacei, frutti di mare, spinaci, semi di zucca, uova, pistacchi, legumi. Semaforo verde anche ad agrumi e kiwi, così come a peperoncino, prezzemolo, frutti di bosco (in particolare ribes), cavoletti di Bruxelles, papaya, piselli, ananas, melone, pomodori e menta piperita.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti