Paolo Bonolis contro le repliche: "Manca solo Bim Bum Bam"

Le repliche di 'Ciao Darwin' e 'Avanti un altro' sono un successo, ma Paolo Bonolis sembra non apprezzarle del tutto.

9 Giugno 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: ANSA

Gli spettatori hanno notevolmente apprezzato le repliche di Ciao Darwin e Avanti un altro andate in onda durante la quarantena. Come sappiamo però, Paolo Bonolis non è mai stato dello stesso avviso, mostrandosi sin da subito contrario alla scelta di Mediaset di trasmettere le repliche di Avanti un altro, quando le nuove puntate erano già pronte e a disposizione.

Il conduttore è ora tornato sull’argomento in un’intervista rilasciata a La Stampa e non si è risparmiato qualche frecciatina.

“Dato che mandano le stagioni a ritroso, si assiste a questo fenomeno buffo che ringiovanisco ogni giorno un po’, alla maniera del Benjamin Button del film. Di questo passo arriveranno le repliche di Bim Bum Bam e – se ci fosse – del filmino della mia nascita” ha infatti dichiarato Bonolis, ironizzando ampiamente sulla scelta del Biscione (per quanto gli ascolti stiano premiando la decisione, mostrando in realtà quanto Bonolis piaccia e sia popolare tra il pubblico).

A dargli man forte è la consorte Sonia Bruganelli, intervistata da Giornalettismo.com.

“Paolo è bellissimo, sembra sempre più giovane. – ha infatti dichiarato Sonia interrogata proprio sulle repliche in onda dei programmi del marito – Felice per i risultati, ma almeno ci mandassero una bottiglia di champagne. Sono d’accordo, ma a metà sulla messa in onda, e vi spiego il motivo”.

“Meraviglioso vederlo in onda adesso – spiega poi Sonia a Gabriele Parpiglia – perché vedo in tv Paolo sempre più giovane. A volte anche con look e capelli diversi (sorride, ndr). Però arriva un momento in cui si dovranno fermare, a mio avviso. Avanti un altro è un format visionario nato nel 1997. E ai tempi fu proprio Maurizio Costanzo, direttore di rete, che ha spinto per mandarlo in onda. Era l’anno in cui lavoravo in redazione, Paolo l’ho conosciuto in quell’anno, era moderno, avanti. Per argomenti e tematiche. Il punto è questo: l’azienda ha un programma ‘senza tempo’ che funziona e lo manda in onda. Amen. Così però non preservi una tua risorsa, forse tra le più importanti, perché lo sovraesponi. Non è corretto a mio avviso”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti