Il pappagallo 'volgare': la parolaccia che non smette di dire

A Middlesbourgh, in Inghilterra, c'è un pappagallo intelligentissimo ma un po' volgare, che non smette mai di dire parolacce: ecco cosa ripete sempre

15 Ottobre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123RF

Dall’Inghilterra arriva la notizia di un pappagallo ‘volgare’ che, a quanto pare, non fa altro che dire parolacce tutto il giorno. Il suo nome è Scooby ed è un esemplare di pappagallo cenerino di proprietà della signora Lorraine, a Middlesbourgh.

Il pappagallo è diventato celebre un po’ ovunque per la sua mania di dire sempre “f**k off”, una locuzione corrispondente più o meno all’italiano “vaff***lo”.

È come un essere umano – ha dichiarato la sua proprietaria al quotidiano britannico Metro – addirittura quando metto il cappotto addosso per uscire mi dice ‘Ciao, Lorraine’”.

Per qualche ragione pare proprio che il pappagallo sia in grado di sostenere una conversazione e non limitarsi semplicemente a ripetere i suoni e le parole che sente nell’arco della giornata. Passa la maggior parte del giorno solo in casa con la mamma di Lorraine, con la quale pare si intrattenga in lunghissimi discorsi.

Addirittura, ha rivelato ancora la sua padrona, spesso si ferma a fissare il fondo della sua gabbietta, esclamando “Look at the f***ing mess!”, ovvero “Guarda che ca**o di casino!”.

Insomma, un coinquilino simpatico e spassoso, con il quale è sicuramente possibile passare qualche ora in compagnia. Un po’ volgare forse, ma di sicuro divertimento.

Nonostante l’abilità di Scooby, la realtà è che i pappagalli difficilmente comprendono il significato di ciò che dicono, e si limitano ad imitare i suoni e le parole che sentono. Tutto ciò avviene grazie ad un apparato respiratorio dalla forma molto simile a quella umana. E, anche se non hanno corde vocali, modificando la curva della trachea riescono a modulare l’intensità o la durata di un suono.

Inoltre, senza stimolazione, la capacità del pappagallo di imitare la voce umana viene meno. Quindi è logico pensare che il bell’esemplare di cenerino di Middlesbourgh abbia sentito quelle parolacce da qualche parte… Chissà, chi gliele avrà mai insegnate?

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti