Pasquale, il 'Nonno del Mare' tornato a pulire le spiagge

Con la Fase 2, Nonno Pasquale - 93 anni - è tornato a vedere il mare e a raccogliere la plastica dalle spiagge. La sua storia.

25 Maggio 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Facebook Plastic Free

Era già celebre Pasquale Di Marco, il 93enne che ha ottenuto persino una targa da parte del Comune di Teramo per l’abitudine – romanticissima – di prendere l’auto e arrivare al mare solo per sedersi sulla riva e ammirare la distesa d’acqua davanti a sé. A causa dell’emergenza sanitaria scoppiata dopo la diffusione del Covid-19, costringendo l’intero pianeta in un forzato lockdown, anche Pasquale ha dovuto rinunciare alla sua quotidiana normalità e alla vista del suo amato mare. Ma, con la Fase 2, per fortuna anche questo aspetto è cambiato.

“Dopo oltre 2 mesi, per colpa del coronavirus, il ‘nonno del mare’ Pasquale Di Marco, 93 anni compiuti il 20 aprile, è tornato a vedere e respirare l’aria del mare. – scrive su Facebook Diego Di Matteo, volontario del WWF – Lui viene da Poggio San Vittorino e con la sua macchina fa oltre 60 km per sedersi su una sedia ad ammirare il mare. Siccome è un nonno civile ed Ambientalista, raccoglie plastica polistirolo etc. che gli incivili ed ignoranti buttano”.

Insomma, non solo Pasquale è tornato alle sue abitudini romantiche, ma durante le sue passeggiate ripulisce anche le spiagge su cui cammina, piene di plastica e di sporcizia. “Ci raccomanda – conclude Diego nel post – di non buttare guanti e mascherine nelle strade, nei fossi, sulle terre e nei fiumi perché li ritroveremo tutti in mezzo al mare, nella pancia dei pesci e nel nostro cibo”.

Anche l’Associazione Plastic Free, di fatto, gli ha dedicato un post su Facebook, soprannominandolo Nonno Plastic Free ad Honorem.

“L’abbiamo intervistato telefonicamente ed ecco cosa ci ha detto: ‘Basta lamentarsi per ogni cosa, serve mettersi al lavoro e amare il proprio Pianeta’. – si legge nel post sui social – Lo abbiamo nominato ‘Nonno Plastic Free ad honorem’ e riceverà nei prossimi giorni una nostra maglietta come segno di riconoscimento”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti