A Pechino i cittadini pagano per prendere l'ascensore

I residenti di Pechino che vogliono usare l'ascensore sono costretti a pagare: ecco perché e come funziona questo sistema

A Pechino i cittadini pagano per prendere l’ascensore. Chi abita in un palazzo, specialmente all’ultimo piano, lo sa: fare le scale a piedi è una vera tortura, soprattutto quando si trasportano le buste della spesa o pacchi ingombranti.

Per fortuna c’è l’ascensore, ma non tutti hanno questa possibilità, soprattutto in Cina. Nel paese, per la precisione a Pechino, la città più popolosa del mondo, chi vuole utilizzare questo mezzo è costretto a pagare, proprio come accade per l’autobus o la metro.

 

Nel capoluogo cinese da diverso tempo è stato introdotto un nuovissimo sistema che obbliga le persone a versare una somma per usufruire dell’ascensore. Il motivo è molto semplice: i soldi versati serviranno a finanziare la costruzione di altre strutture simili all’interno dei palazzi più vecchi della città in cui ci sono solamente le scale.

La Fangrong Shengtai Construction Company, l’azienda che fornisce il servizio, ha spiegato che il pagamento degli ascensori è doveroso, per evitare che la costruzione e la manutenzione venga addebitata a tutti i cittadini.

Ma come funzionano gli ascensori a pagamento? Per prima cosa è necessario possedere una tessera magnetica che si può ricaricare con il denaro contante. Ogni volta che si usufruisce dell’ascensore si passa la card, da cui vengono prelevati automaticamente 0,2 yuan, ossia venti centesimi di euro.

La cifra, come è facile intuire, è piuttosto bassa e consente a tutti di utilizzare l’ascensore senza spendere troppo. Nonostante ciò, in base alle ricerche del quotidiano “Beijing News”, il sistema causerebbe un esborso mensile di 12 euro per famiglia al mese.

Ma non è finita qui: anche gli impiegati che lavorano nei palazzi sono costretti a pagare l’ascensore. Ogni volta che si recano in ufficio devono passare una carta gialla che costa circa sei euro e che consente di effettuare il pagamento di 20 centesimi per ogni “salita”.

Grazie a questo “piccolo sforzo” comunque sia sarà possibile installare ben cinque ascensori nel distretto di Daxing, in cui quasi tutti gli abitanti sono costretti a percorrere diverse rampe di scale a piedi per raggiungere il proprio appartamento.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti