Perché i bambini hanno paura del buio? Scopriamolo assieme

Chi ha paura del buio tra i bambini può essere affetto da una rara malattia, la cecità notturna, come sostiene un recento studio

Fonte: flickr

Chi ha paura del buio non riesce ad addormentarsi senza che la fantasia inizi a produrre scenari che non esistono, impiegando ore prima di cadere in un sonno profondo. Se persiste nel tempo, anche in età adulta, la fobia del buio può costituire un serio problema, rappresentando un deficit nella vita di tutti i giorni. Nei casi più gravi, per dormire comodamente, può essere necessario un aiuto esterno per il suo superamento, non sempre facile a causa dell’imbarazzo che si prova nel parlarne. Per queste ragioni è molto importante indagarne le cause scatenanti, partendo in particolare dallo studio della sua naturale manifestazione nei bambini.

Chi ha paura del buio solitamente ne soffre sin dalla tenera età. L’abitudine serale di raccontare o leggere fiabe è da sempre un valido alleato dei genitori, sedersi sul letto e iniziare a narrare aiuta i più piccoli ad affrontare con successo la propria fobia. Talvolta però non è sufficiente, bisogna allora capire perché realmente i bambini hanno paura della luce calda e fredda. I motivi sono al centro di una recente ricerca condotta da tre medici del Gartnavel General Hospital di Glasgow, in Scozia. I ricercatori hanno esposto la propria teoria sulla rivista scientifica di ambito medico The Lancet, descrivendo due esempi di una rara malattia, chiamata cecità notturna o nictalopia.

Tra le paure dei bambini , quella del buio sarebbe dovuta ad un disturbo della vista, che consiste nell’incapacità di vedere in un ambiente scarsamente illuminato. Generalmente gli occhi si abituano al buio in pochi secondi, consentendo l’orientamento anche in condizioni di luce precaria. I soggetti studiati invece presentano evidenti problemi: mentre di giorno non hanno difficoltà, di notte hanno capacità visive insufficienti anche dopo il periodo di adattamento. Ovviamente l’impossibilità di riconoscere ombre, oggetti e figure genera la paura nei piccoli, che ignorano i limiti oggettivi della realtà. Dunque chi ha paura del buio tra i bimbi potrebbe non avere semplicemente smania di attenzioni da parte dei grandi, ma potrebbe essere affetto da una malattia che colpisce i bastoncelli della retina, sensibili alla luce debole, e non i coni, responsabili della percezione dei colori.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti