Perché il gatto nero porterebbe sfortuna?

Anche voi se incontrate un gatto nero cambiate strada? Basta con le stupidi superstizioni: oggi è il Balck Cat Day, la giornata dedicata ai mici scuri

17 Novembre 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Nell’antica Roma, erano gli animali domestici prediletti e nell’antico Egitto erano venerati come vere e proprie divinità. Anche gli scozzesi, un tempo, pensavano che averne uno in casa aiutasse a tenere lontano la malasorte. Oggi, invece, se si incontra un gatto nero per strada, c’è ancora chi fa partire scongiuri e preghiere, e i più superstiziosi potrebbero persino cambiare percorso. Si crede, infatti, che questo delizioso amico a quattro zampe sia portatore di sventure e avversità. Tutti falsi miti, ovviamente, che ancora oggi però sono difficili da sfatare, ma ora anche per i mici dal manto scuro è arrivato il momento del riscatto. Da 15 anni, ogni 17 novembre si celebra il Black Cat Day, una giornata istituita dall’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente dedicata ai gattini color della notte (ecco i gatti più strani al mondo) con l’intento, anche, di favorirne le adozioni. Ma perché il gatto nero porterebbe sfortuna?

Le ragioni di questa superstizione sono da ricercare nel Medioevo, quando imperversava la caccia alla streghe. Papa Gregorio IX riteneva che questi felini fossero associati a figure demoniache e per questo ne ordinò lo sterminio. Ad avvalorare questa tesi, anche altre circostanze legate alle abitudini del periodo. Quando un cavallo incontrava di notte un gatto nero, al buio ne vedeva solo i luminosi occhi. Un bagliore che spaventava il quadrupede, facendolo imbizzarrire e portando a pensare che il micio gli avesse fatto un maleficio.

Da allora, di tempo, ne è passato parecchio, ma strascichi della superstizione sui gatti neri che porterebbero sfortuna sono purtroppo rimasti. Dicerie gratuite e ingenerose su questi dolcissimi felini che si spera possano essere, presto, solo un lontano ricordo. La giornata dedicata al gatto nero, dunque, va proprio in questa direzione e l’opera di sensibilizzazione pare stia funzionando. Sono sempre più numerose le famiglie che decidono di adottare un micio scuro (ce n’è uno che ha persino cambiato colore), accogliendolo in casa e godendosi le sue pelose coccole.

In occasione del Black Cat Day, inoltre, sono tante le iniziative che vengono messe in campo da associazioni e semplici amanti dei gatti. A Milano, ad esempio, i superstiziosi vengono presi per la gola: Deliveroo in collaborazione con Gusto17, lancia i Black Cat Biscuits. Si tratta di “speciali cookies a forma di gatto, ripieni di gelato alla stracciatella, con una copertura di cioccolato black, pensati per sensibilizzare le persone nello sfatare il mito del gatto nero come portatore di sventura” ha fatto sapere la piattaforma leader nell’online food delivery. A Napoli invece, proprio 3 mesi fa, al gatto nero è stato addirittura dedicato un museo che contro ogni scaramanzia è stato inaugurato venerdì 17 gennaio 2020.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti