Perché perdiamo massa muscolare con l'età?

Dopo i 40 anni il nostro corpo inizia a mostrare segni di cedimento: ecco perché perdiamo massa muscolare e come ritardare il processo

6 Maggio 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Se a 20 anni ci sentiamo invincibili, a 40 gli acciacchi iniziano a farsi sentire e con essi si innesca un processo irreversibile, dalle conseguenze potenzialmente serie, ma che può essere ritardato se seguiamo alcune semplici regole.

Avete fatto caso che con l’età perdiamo massa muscolare? La sarcopenia è una delle prime implicazioni dell’invecchiamento, può avere importanti ripercussioni sulla salute dell’organismo in generale e portare finanche a disabilità.

Tendenzialmente dai 50 anni in poi la sarcopenia inizia a manifestarsi in modo più evidente anche se si perde fino al 5% della propria massa muscolare per decennio dopo aver raggiunto i 30 anni, secondo la Harvard Health Publishing.

I motivi sono molteplici: l’inattività porta ad un indebolimento fisico e ad una mancata rigenerazione muscolare; un’alimentazione povera di nutrienti dovuta al fatto che dopo i 40 anni ingeriamo il 25% di calorie in meno, dunque priviamo il nostro corpo anche di importanti sostanze nutritive; non dimentichiamo che le fibre muscolari a contrazione rapida con l’avanzare dell’età diminuiscono e che anche gli ormoni subiscono importanti modifiche dei loro livelli di concentrazione nel corpo.

Secondo la Cleveland Clinic, la perdita di massa muscolare può renderci più fragili e farci aumentare il rischio di cadute o altre lesioni: una ricerca dell’ottobre 2012 apparsa su Clinical Nutrition ha rilevato che il 27% dei soggetti con più di 80 anni con sarcopenia ha riferito di essere caduto durante il follow-up dello studio durato 2 anni, rispetto a meno del 10% degli ultraottantenni senza sarcopenia.

Come possiamo ritardare il processo? Teniamo sempre sotto controllo i livelli di vitamina D: la carenza di questa importantissima vitamina, infatti, è associata senza alcun dubbio alla riduzione di forza e massa muscolare. Fondamentale anche rimanere attivi praticando un’attività fisica anche leggera ma costante: da prediligere sport che aumentano il flusso sanguigno e l’ossigenazione muscolare come il nuoto o le passeggiate.

Infine puntiamo sulle proteine a tavola: invece di consumare tanti carboidrati, meglio mangiare carne, pesce, uova o legumi per rafforzare il tono muscolare!

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti