Perché si festeggia Santo Stefano? Forse non sai che…

Su Vigilia e Natale sappiamo tutto, ma perché festeggiamo anche Santo Stefano il 26 dicembre? Ecco qualche curiosità

23 Dicembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Eccoci, siamo arrivati al periodo più intenso e per certi versi stressante dell’anno e se vi capita di sentirvi giù di tono, un po’ tristi sappiate che è più frequente di quanto si immagini (si chiama Christmas Blue, ecco da cosa dipende).

Ci pensiamo noi a distrarvi dal pensiero che i parenti vi invaderanno casa, dalle pile di piatti da pulire e dalla montagna di dolci da ingurgitare proponendovi qualche curiosità sul 26 dicembre (qui anche la storia della festa dell’8 dicembre, l’Immacolata Concezione)… Sapete perché festeggiamo Santo Stefano?

Se è cerchiato in rosso sul calendario ed è considerata dunque come festività, certamente è una ricorrenza importante, ma qual è il motivo? E chi era Stefano prima di diventare santo?

Molti di noi considerano Santo Stefano solo il giorno dopo Natale, quello deputato a finire gli avanzi della cena della vigilia e del pranzo del 25, ma per i cattolici ha una forte valenza. Nonostante il legame con il Cristianesimo, la festa divenne ufficiale nel 1947 e non per volere della chiesa. Un po’ come per Pasquetta – o Lunedì dell’Angelo – il giorno dopo Natale è diventato festivo per avere due giorni consecutivi lontani dal lavoro prolungando così il periodo di vacanza.

Santo Stefano è riconosciuto come il protomartire, ovvero la prima persona ad aver sacrificato la propria vita per testimoniare la sua fede in Cristo.

Stefano era il primo dei 7 diaconi scelti dalla comunità cristiana per contribuire alla diffusione della religione insieme agli apostoli. Perse la vita a Gerusalemme nel 36 d.C, venne lapidato alla presenza di Saulo di Tarso. Saulo è meglio conosciuto come San Paolo, dopo che lungo la via di Damasco si convertì al Cristianesimo.

Negli Atti degli Apostoli viene descritto il martirio e la tortura di Stefano che morì vedendo la gloria di Dio nei cieli:

“Stefano, pieno di Spirito Santo, fissando gli occhi al cielo, vide la gloria di Dio e Gesù che stava alla sua destra e disse: ‘Ecco, io contemplo i cieli aperti e il Figlio dell’uomo che sta alla destra di Dio’. Proruppero allora in grida altissime turandosi gli orecchi; poi si scagliarono tutti insieme contro di lui, lo trascinarono fuori della città e si misero a lapidarlo. E i testimoni deposero il loro mantello ai piedi di un giovane, chiamato Saulo. E così lapidavano Stefano mentre pregava e diceva: ‘Signore Gesù, accogli il mio spirito’. Poi piegò le ginocchia e gridò forte: ‘Signore, non imputar loro questo peccato’. Detto questo, morì”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti