Pistacchi, dovresti mangiarli anche se sei a dieta

Nella giornata in cui si festeggia il pistacchio, scopriamo perché fa bene all'organismo se consumato nelle giuste dosi

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Il 26 febbraio è la giornata mondiale del pistacchio. Quale occasione migliore allora per decantarne le proprietà benefiche? Superfluo sarebbe parlare del suo gusto, visto che è sotto gli occhi di tutti il tocco prezioso che questo frutto è in grado di apportare a piatti salati e dolci. I pistacchi sono molto calorici, è vero, ma sono anche fonte di minerali, vitamine e antiossidanti indispensabili per il buon funzionamento del nostro corpo. Se consumati nelle quantità giuste, inoltre, non fanno ingrassare e quindi andrebbero assunti anche da coloro che sono a dieta, perché aiutano a mantenere il peso forma.

Tra i tanti benefici del pistacchio c’è il suo essere fonte di magnesio e potassio, che favoriscono la circolazione sanguigna e contrastano il gonfiore. Apporta anche fibre e grassi “buoni” che tengono a bada i picchi di glicemia, i quali sono i responsabili degli attacchi di fame (le arachidi sono legumi o frutta secca?)

Consumare pistacchi vuol dire assumere pure vitamina B6, utile per il metabolismo e per la produzione di emoglobina che aiuta ad ossigenare il sangue. Questi frutti hanno proprietà antinfiammatorie e antitumorali, grazie al beta carotene che previene i tumori. Consumarne una ventina al giorno aiuterebbe a tenere alla larga il cancro ai polmoni, al seno e al pancreas.

Come quasi tutta la frutta secca anche i pistacchi sono in grado di diminuire il rischio di contrarre malattie cardiovascolari, abbassando il livello del colesterolo cattivo e alzando quello buono grazie ai grassi monoinsaturi.

Quanti pistacchi bisogna mangiare al giorno per restare in forma? La quantità consigliata è di massimo 30 grammi al giorno, sebbene spesso sia difficile fermarsi. L’ideale è preferire quelli al naturale e non tostati. I pistacchi salati, infatti, non solo hanno più calorie, ma contengono anche quantità elevate di sodio, che può rivelarsi dannoso per la salute. I pistacchi tostati, invece, sono più poveri di antiossidanti.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti