Preriscaldare il forno è davvero importante. Ecco perché

Quasi tutte le ricette, sia di dolci che di pietanze salate, indicano la temperatura a cui va pre-riscaldato il forno. Voi lo fate sempre?

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

In molte ricette, sia dolci che salate, si fa riferimento al pre-riscaldamento del forno: questo significa che quando mettiamo la pietanza in forno, questo dovrà essere già settato sulla temperatura giusta per la cottura, che inizierà quindi immediatamente (questa torta invece si cuoce in padella, leggi qui).

Molte persone però, a quanto pare, non sono convinte della reale utilità di questo pre-riscaldamento e lo saltano a piè pari: nulla di più sbagliato, soprattutto in alcuni casi, e vi spieghiamo perchè.

Il forno ha bisogno di qualche minuto (di solito intorno ai 10, ma varia da un elettrodomestico ad un altro) per raggiungere la temperatura richiesta: bisogna quindi organizzarsi mentre si cucina e ricordarsi di girare la manopola al momento giusto. Questo passaggio è fondamentale per basi con burro, come la pasta frolla, perchè l’impasto rischia di scomporsi e perdere la forma, mentre con il calore si rassoda rapidamente e forma la classica (e amata) crosticina dorata (spennella così i tuoi biscotti, saranno più belli e più buoni).

Anche gli impasti lievitati non possono fare a meno del forno pre-riscaldato, perchè il calore che trovano al loro ingresso nel forno favorisce al massimo la lievitazione, mentre al contrario il freddo blocca l’azione dei lieviti. Il calore forma anche in questo caso la crosticina in superficie, che trattiene calore e vapore all’interno, così da far cuocere la massa interna e garantire una buona alveolazione.

Se parliamo di ingredienti non lievitati, il forno pre-riscaldato è meno fondamentale: l’unico problema è che, iniziando a contare i minuti di cottura dall’ingresso dell’alimento in forno, si rischia di farlo uscire ancora semicrudo. Al contrario, allungando di testa propria i minuti di cottura in qualche caso si rischia di combinare un pasticcio.

Conviene dunque, in ogni caso, riscaldare il forno alla temperatura desiderata per circa 10 minuti e poi infornare: solo così si avrà la garanzia di un buon risultato!

 

 

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti