Primo matrimonio nel metaverso: tra gli ospiti anche avatar

Il concetto di unione virtuale si spinge sempre più in là

17 Dicembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: @123rf

La pandemia da una parte e la tecnologia dall’altra stanno aprendo strade che fino a qualche anno fa non avremmo mai immaginato. Quando il mondo intero (chi più, chi meno) era impacchettato e chiuso in se stesso causa Covid, molte coppie hanno trasmesso in streaming il loro matrimonio tramite Zoom o YouTube. Ora, però, il concetto di unione virtuale si spinge ancora più in là.

Come riporta l’Ansa, una coppia americana si è scambiata i voti in una cerimonia ibrida davanti a un gruppo di amici in presenza e anche in forma di avatar che, come da tradizione, hanno festeggiato e brindato nella vita reale e online. L’idea di sposarsi nel metaverso è stata del loro capo, che ha fornito agli sposi un sistema cloud. E in fondo non poteva essere altrimenti visto che i protagonisti di questa storia, lei 52 anni e lui 60, si è incontrata per la prima volta come avatar durante un evento dell’azienda specializzata nella comunicazione in ambienti virtuali per cui entrambi lavorano.

Ecco come si è svolto il tutto: gli invitati al matrimonio online dovevano solo scaricare un programma sui loro computer, creare il proprio avatar prima di partecipare e assistere allo scambio degli anelli. Gli sposi a loro volta si sono fotografati ricreando avatar personalizzati in ogni dettaglio.

L’esperienza è piaciuta così tanto agli sposi che hanno considerato anche l’idea di una luna di miele nel metaverso. Per chi non sapesse che cos’è il metaverso, stiamo parlando di un termine coniato da Neal Stephenson in Snow Crash (1992), libro di fantascienza cyberpunk, descritto come una sorta di realtà virtuale condivisa tramite internet, dove si è rappresentati in tre dimensioni attraverso il proprio avatar.

Sempre negli Stati Uniti lo scorso aprile una coppia di sposi ha deciso durante la cerimonia di non scambiarsi gli anelli ma fedi NFT, ovvero certificati digitali, attraverso lo smartphone. Speriamo che almeno la torta nuziale fosse vera.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti