Problemi di memoria? Ascoltate il rumore dell'acqua nel sonno

La memoria può essere resa più forte ascoltando suoni "dolci" mentre si dorme

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Thinkstockphotos

La memoria può essere resa più forte ascoltando suoni “dolci” mentre si dorme, come lo scorrere dell’acqua. È quanto emerge da una ricerca condotta dalla NorthWestern University di Chicago e pubblicata sulla rivista Frontiers in Human Neuroscience. I “suoni rosa” sono in grado di prolungare la fase del sonno profondo, durante la quale vengono “consolidati” i ricordi.

Gli esperti hanno realizzato uno strumento che emette suoni rosa e lo hanno testato su 13 soggetti ultrasessantenni, alternandolo a una stimolazione finta senza suono. Lo strumento si attiva automaticamente la notte in corrispondenza del sonno profondo.

I risultati hanno evidenziato che, dopo una notte di stimolazione acustica, i soggetti ricordano molto meglio liste di parole lette la sera prima. I punteggi ottenuti ai test di memoria risultano triplicati e a questo miglioramento corrisponde il prolungarsi della fase del sonno profondo.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti