È ora di parlare dei problemi d'immondizia sulle astronavi

Le missioni nello spazio diventeranno sempre più complicate: per questo la NASA deve immaginare un sistema sostenibile di smaltimento rifiuti

La vita a bordo delle astronavi è stata protagonista di numerosi libri e tanti film. Ma qualcuno ha mai seriamente pensato al problema dei rifiuti?

L’immondizia, questa piaga. Diciamoci la verità: a nessuno va mai di andare a buttarla. Nonostante si tratti di un gesto molto semplice, in genere si tende a posticipare e gettarla solo quando si raggiunge il limite di spazio (o di puzza) nel sacchetto. Fatto sta che se i rifiuti sono un problema già nelle case normali, figuratevi nello spazio. Cosa succede secondo voi a bordo delle astronavi durante le missioni spaziali internazionali? Gettare l’immondizia quando si è in orbita non è semplice. Non è che si può dire «scusate, esco un secondo a gettare i rifiuti su Marte e torno».

Per vivere a bordo delle astronavi bisogna adottare delle misure estreme per preservare le risorse, riutilizzare materiali e aria respirabile. Le missioni di rifornimento merci in genere trasportano circa dodici tonnellate di materiali di consumo all’anno, cosa che può portare a problemi di stoccaggio. Come fare per i rifiuti? Quando si accumulano, gli astronauti li comprimono in sacchi della spazzatura: quando raggiungono le due tonnellate, li mandano via su un apposito veicolo diretto sulla Terra che incenerisce l’immondizia durante il viaggio nell’atmosfera.

Le future missioni spaziali però, non torneranno verso la Terra in modo così frequente. Per questo la NASA ha deciso di rivedere il suo metodo di smaltimento dei rifiuti, chiedendo ad alcune società statunitensi di aiutarla a elaborare un progetto. La NASA stessa, sin dagli anni ’80, ha in realtà già elaborato sistemi di gestione di rifiuti che devono essere perfezionati. Si cercano soluzioni che non solo riducano la spazzatura, ma elimino anche i problemi di sicurezza biologica e fisica che potrebbero esserci per l’equipaggio.

Obiettivo della NASA nei prossimi anni è aumentare e rendere ancora più ambiziose le missioni nello spazio. Questo vuol dire che saranno molto più lunghe e viaggeranno su distanze ancora più grandi. Le operazioni che avranno luogo sulla Luna o altri pianeti, dovranno essere indipendenti dalla Terra, consentendo alle persone a bordo di passare lunghi periodi nello spazio. Ma per farlo bisogna assolutamente rendere sicura e sostenibile la gestione dei rifiuti.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti