Pulisce se il cane sporca il marciapiede: non vedente premiato

Arriva da Piacenza la storia di un uomo, non vedente, e del suo gesto capace di dare “lezioni di civiltà agli altri”. Il Comune lo premia.

26 Aprile 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: it.123rf.com

Lo sappiamo, purtroppo, molto bene: un gesto tanto semplice e civile come quello di raccogliere i bisognini dei fedeli amici a quattrozampe sembra proprio essere cosa rara. Anzi rarissima. Quante volte, camminando sul marciapiede o in un parco, ci siamo imbattuti nelle infelici tracce di un cane, o meglio di un cane e del suo padrone incivile?

Eppure, non ci si spacca mica la schiena ad abbassarsi per pulire se il proprio animale sporca; è anzi doveroso, nei confronti della comunità e quindi anche di se stessi. E proprio perché il gesto è tanto poco comune, la storia di Filippo Siciliano, piacentino, è diventata virale in rete e sui media come esempio di civiltà.

A raccontare l’episodio è stata l’avvocatessa Federica Sgorbati, Assessore ai servizi sociali del Comune di Piacenza. Tramite il suo profilo Facebook, infatti, la donna ha condiviso le buone pratiche di Siciliano che essendo non vedente è sempre accompagnato dal suo fedele Labrador Brigida. E l’uomo non manca mai di pulire la strada dai bisogni del cane.

“Piacenza, Via Santa Franca, ore 12.15 – si legge nel post in rete – Cammino sul marciapiede, poco più avanti un ragazzo cieco in compagnia di un bel Labrador tinta miele dagli occhioni dolci. Il Labrador si ferma per una ‘necessità’. Mi fermo, guardo.Il ragazzo sposta abilmente il guinzaglio rigido dal braccio destro a quello sinistro, fruga nella tasca, estrae un guantino azzurro di plastica, lo indossa e tasta il marciapiede attorno a lui sino a che non individua la ‘necessità’, la raccoglie, sfila il guanto e mette tutto in una borsina di plastica”.

E conclude: “L’anima a 6 gambe riparte. Sorrido. Ve la lascio come riflessione…” Oltre a riflettere, Sgorbati ha deciso di fare di più e di mobilitarsi per dare un riconoscimento al ragazzo. E il Comune di Piacenza ha accolto la richiesta: a Filippo Siciliano sarà dedicata una targa di ringraziamento per “l’elevato senso civico costantemente dimostrato”, riporta ‘LaZampa.it’. Con la speranza che siano in molti a seguirne l’esempio.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti