Quanto fa bene il latte?

Il latte è il primo alimento con cui veniamo in contatto nella nostra vita. Scopriamo le sue principali caratteristiche nutrizionali e se fa bene o meno alla nostra salute

Il latte è senza alcun dubbio uno degli alimenti più sani e nutrienti che esistano. Ne consumiamo in grande quantità fin dalla nascita, bevendolo in tanti modi diversi: freddo, caldo, con i biscotti, con i cereali, con il cacao, in aggiunta al tè o al caffè, ecc. Molte persone però diffidano di questo alimento, poichè è ricco di grassi e se consumato in grande quantità può trasformarsi in un nemico della linea, contribuendo all’aumento di peso. Va comunque precisato che non tutti i tipi di latte sono uguali.
Infatti, per evitare di ingrassare il consiglio è quello di consumare latte scremato o parzialmente scremato.

Quello scremato contiene solo lo 0,3% di grassi e una tazza corrisponde a circa 85 calorie. Quello parzialmente scremato invece ha un contenuto di grassi tra l’1,5 e l’1,8% e un apporto calorico di circa 175 calorie per tazza. Ciò che rende questi due tipi di latte così poco calorici e poveri di grassi è, appunto, la scrematura. Durante i trattamenti industriali, prima della procedura di sterilizzazione, viene effettuato il trattamento della scrematura, utile ad ottenere la completa separazione della parte grassa, meglio conosciuta come panna o crema di latte.

Più intensa e lunga è la centrifugazione, migliore è la separazione dei grassi dal latte. Per garantire il nostro benessere ed uno stile di vita sano ed equilibrato, evitando allo stesso tempo di ingrassare, gli esperti suggeriscono di consumare una o due porzioni di latte a basso contenuto di grassi al giorno. Un altro consiglio è quello di preferire il latte ad altre bevande molto più caloriche come succhi di frutta, soda, cola, ecc. Il latte è composto da acqua, grassi saturi, glucidi, proteine, calcio, vitamine, sostanze aromatiche, cellule somatiche e batteri.

L’elevata presenza di calcio e vitamina D lo rendono un alimento essenziale nella dieta quotidiana per la prevenzione dell’osteoporosi, malattia reumatologica in cui lo scheletro è soggetto a perdita di massa ossea e resistenza. Va precisato che quello fin qui descritto è latte di tipo animale, ma ne esistono di altri tipi: di cocco, di soia o vegetale, di mandorla. Questi sono principalmente indicati a coloro che soffrono di allergie o intolleranze al latte animale.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti