1, 3, 1, 1, 1, 0, 0 trend

Quaresima, perché non si mangia carne il venerdì?

Cosa c'è dietro alla tradizione cristiana di non mangiare carne nei venerdì di Quaresima? Parte tutto dall'Antico Testamento

Nella liturgia cattolica, la Quaresima è quel periodo che va dal Mercoledì delle Ceneri al Sabato Santo e che accompagna i credenti dal Carnevale alla Pasqua: secondo i dettami della Chiesa, durante i venerdì in Quaresima non si deve mangiare carne (una versione più soft del digiuno, che prevederebbe o l’astensione totale o un solo pasto al giorno, molto leggero).

Da dove proviene la tradizione di non mangiare carne nei venerdì di Quaresima? Va chiarito innanzitutto che secondo la Chiesa tutti i venerdì dell’anno non si dovrebbe mangiare carne, ma l’infrazione a questa regola durante la Quaresima viene considerata peccato grave. Secondo l’Antico Testamento, astenersi dalla carne è un modo simbolico per “rinunciare” a qualcosa che piace e soddisfa e dimostrare la capacità dell’uomo di tenere a bada i propri istinti in nome della spiritualità.

Questo rimanda ad un tempo in cui la carne veniva considerato un piatto “grasso” rispetto al pesce, tradizionalmente più povero: nel Medio Evo si pensava anche che la carne stimolasse maggiormente la libido dell’uomo e lo portasse così a comportamenti istintivi, aggressivi e violenti.

Eliminare le pulsioni del corpo aiuta l’anima, nella concezione cristiana, ad elevarsi verso Dio: questo in particolar modo durante la Quaresima, quando dopo gli “eccessi” del Carnevale è necessario purificarsi in vista della rinascita di Pasqua.

Anche le celebrazioni, in questi 40 giorni, sono più discrete: gli altari non si dovrebbero decorare, i matrimoni non dovrebbero essere celebrati, i canti del Gloria e dell’Alleluja vengono sospesi.

 

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti