0, 0, 1, 0, 0, 0, 0 trend

Quattro lauree con lode in tre mesi: Samuele, studente prodigio

Tante lauree per un fine molto nobile: ecco la storia di Samuele Cannas

3 Novembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: 123rf

Se non trova lavora lui, allora non lo trova nessuno. Stiamo parlando di Samuele Cannas, che in meno di tre mesi è riuscito a portarsi a casa quattro lauree. Questo giovane talento sardo dell’Università di Pisa e della Scuola Superiore Sant’Anna ha conseguito, con il massimo dei voti, il titolo di dottore in biotecnologie molecolari, con la media del 30 e lode. Ma questo è solo l’ultimo titolo conseguito in ordine di tempo.

Già, perché Samuele può vantare anche una laurea in pianoforte al Conservatorio di Cagliari, un’altra in medicina e chirurgia (luglio 2021), in biotecnologie (settembre 2021) e in ingegneria (ottobre 2021), conseguite tutte all’Università di Pisa.

Così, come riporta il sito Huffingtonpost.it, a dicembre sarà il primo studente in Italia a possedere 6 titoli universitari a soli 25 anni, tutti con lode. Un percorso, spiega una nota dell’Università di Pisa, “che Samuele ha costruito con cura nel corso degli anni per raggiungere il suo nobile scopo nella lotta contro i tumori gastrointestinali e che, dal 2022, lo vedrà proseguire i suoi studi specialistici in chirurgia addominale negli Usa”.

Infatti lo stesso Cannas spiega che tutte queste lauree “sono essenzialmente il mezzo che ho scelto per affrontare un tema complesso, come quello delle patologie chirurgiche intestinali, con un approccio olistico, che ingloba le competenze del chirurgo, del biotecnologo e dell’ingegnere e le amalgama insieme, potenziandole vicendevolmente: spero che tantissimi giovani possano trovare nel mio esempio l’ispirazione per portare avanti studi multidisciplinari non per superare dei record o vanagloria, ma perché questo è il nuovo paradigma con il quale approcciarsi alla medicina del futuro”.

Paolo Mancarella, rettore dell’Ateneo pisano, ha commentato: “Samuele è certamente un talento raro ma anche la dimostrazione che con dedizione e passione si possono raggiungere gli obiettivi più ambiziosi“. Il successo dello studente, conclude Sabina Nuti, rettrice della Sant’Anna, “è merito del suo talento ma anche delle istituzioni pubbliche che hanno saputo valorizzarlo con un adeguato percorso formativo”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti