Questa nazione europea festeggia il Giorno del Ringraziamento

Non solo Stati Uniti: oltremanica si celebra una giornata chiamata ‘Britsgiving’.

22 Novembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123RF

Negli Stati Uniti il Giorno del Ringraziamento è una delle occasioni più preziose per trascorrere del tempo con i familiari, gli amici e tutte le persone care. Attorno al tavolo, con i piatti della tradizione, si celebra la vita e tutti quei doni per cui renderle grazie. Le origini del Thanksgiving Day affondano le radici secoli addietro e, nonostante la testimonianza scritta più antica che sia giunta a noi parli del 1621 come prima volta, la ricorrenza risalirebbe addirittura ai primi coloni americani.

Quel pasto condiviso divenne, quindi, una festa nazionale vissuta con grande intensità nel 1863, grazie alla volontà del presidente Abraham Lincoln. Da allora, l’ultimo giovedì di novembre ha il sapore della famiglia e degli affetti. Eppure, gli USA non sono l’unico Paese al mondo che festeggia il Giorno del Ringraziamento. Per esempio, il Canada ha una propria versione della ricorrenza così come i nostri vicini d’oltremanica.

Secondo il Guardian, infatti, tra i cittadini britannici sta diventando sempre più popolare osservare quello che alcuni hanno ribattezzato Britsgiving. I dati parlano di un britannico su sei che festeggia la giornata nella quale si confermano molte delle tradizioni (anche culinarie) che provengono dalle terre al di là dell’oceano Atlantico. Ovviamente, il piatto principe delle tavole è sua maestà il tacchino, le cui vendite si impennano nel mese di novembre (facendo storcere il naso agli animalisti).

E anche le piazze social confermano la tendenza, con l’hashtag #happythanksgiving che occupa le tendenze di Twitter nel Regno Unito grazie ai cinguettii continui. Il senso del Giorno del Ringraziamento in salsa inglese si spiegherebbe alla luce del legame fortissimo con gli Stati Uniti anche nelle abitudini alimentari. Inoltre, secondo le stime, sarebbero circa 200mila i nativi statunitensi che vivono nell’isola di Elisabetta II. Quindi, celebrare questa giornata è un modo per sentirsi vicini alla patria e per rinnovarne le tradizioni.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti