Questo piccolo cane combatte i cacciatori di elefanti

Fury è un cane randagio addestrato per combattere il bracconaggio in Africa, il suo fiuto potrebbe servire per salvare dalla morte diversi elefanti

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: facebook CLZafrica

Fury è un cane contro i cacciatori, ha appena due mesi ma è talmente intelligente che in futuro sarà un valido collaboratore per la lotta contro il bracconaggio in Africa. Recuperato dalle strade di un villaggio dello Zambia è stato addestrato per combattere i cacciatori di elefanti. Presto si unirà ad un’unità di cani, lavorerà a fianco di due pastori tedeschi e con loro si metterà sulle tracce di bracconieri e trafficanti. I sensi degli animali sono infallibili e l’addestramento consiste nel far riconoscere al cane l’odore di avorio, armi, tracce umane e di pangolino, animale illegalmente trafficato per le sue carni pregiate.

In Africa il cane non è considerato un animale domestico, vive nei villaggi, fa la guardia e deve recuperarsi il cibo da solo. I trafficanti usano il cane africano per cacciare gli elefanti. Quando si spostano per mettersi sulle tracce del pachiderma, lasciano i cani solo con acqua e qualche vaccinazione. Fury appartiene ad una razza difficile da addomesticare ma Jay Crafter, cofondatore di Invictus K9 ha voluto fare un tentativo. E’ andato in diversi villaggi a recuperare cani di strada. Fury a differenza di tutti gli altri si è dimostrato più tenace e coraggioso.

Per un cucciolo di 14 settimane è stata un’impresa eccezionale. Il progetto da consolidare è molto importante, in Africa ci sono 450 mila esemplari di elefanti da salvare. Dal 1970 sono stati uccisi l’80% degli elefanti, oggi la specie è a rischio estinzione. E’ importante per i ranger avere dalla loro parte un cane contro i cacciatori, perché mettersi sulle tracce dei bracconieri senza l’ausilio di un fiuto eccezionale è praticamente impossibile. Importare cani e mantenerli costa molto, è più vantaggioso lavorare con i cani locali, abituati alle temperature torride, ai terreni ostili e più tolleranti alle malattie endemiche del posto.

Le unità cinofile in Africa sono rare e i ranger non si sono mai presi cura di un animale. Adesso la situazione sta cambiando. Il cuore del cane batte in sincrono con quello del suo conduttore e il legame tra i due cresce giorno dopo giorno. Jay Crafter sta seguendo l’addestramento di Fury: non sa se il suo obiettivo riuscirà a realizzarlo ma, il cane contro i cacciatori di elefanti per ora risponde bene agli ordini e segue diligentemente gli addestramenti. Ancora è presto per prevedere se Fury avrà successo, sarà pronto tra 9-12 mesi.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti