Rapiti e messi all'asta i cigni del lago di Parigi

I cigni al centro di un insospettabile mercato di contrabbando: ci sono persone disposte a infrangere la legge e a sborsare molti soldi per averne uno

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

Sembra la trama di un film, ma è invece accaduto veramente: a Parigi, precisamente nello stagno di Saint-James nel Bois de Boulogne, è stato rapito uno dei cigni trombettieri che fa parte della numerosa famiglia che vive lì da anni.

Perchè rapire un cigno? Presto detto, per venderlo online. A quanto pare il mercato dei cigni di contrabbando, in Francia ma anche altrove, è piuttosto sviluppato e ci sono persone disposte a pagare migliaia di euro per un esemplare. Non a caso, già in passato si erano verificati sequestri di cigni e in uno di questi casi il responsabile era stato assicurato alla giustizia.

Adesso sembra che i colpevoli dell’ultima sparizione siano una coppia di 70enni incensurati, la polizia è sulle loro tracce ma per ora non è riuscita a prenderli nè a recuperare il cigno.

Il cigno, un uccello acquatico stanziale e legato alla sua casa e alla sua famiglia, è un animale estremamente bello ed elegante: si tratta inoltre di una specie selvatica e in quanto tale appartenente al patrimonio indisponibile dello Stato. In altre parole, non è vendibile nei negozi di animali e il suo contrabbando è punibile a norma di legge. Nonostante questo, ci sono molte persone che pur di avere un cigno o una coppia di cigni (molto richieste le femmine con le loro uova) nel laghetto di casa sono pronte a mettersi contro la legge e a sborsare molti soldi.

Il commercio di fauna selvatica, secondo i dati WWF, è uno dei più importanti business del Pianeta insieme al traffico di esseri umani, di droga e di armi: ci sono specie che rischiano l’estinzione proprio perchè gli esemplari vengono prelevati in natura per essere venduti per collezionismo o come animali da compagnia. Secondo recenti stime, il traffico di soldi proveniente dal commercio illegale di fauna selvatica ammonta a 23 miliardi di dollari.

 

 

 

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti