Il replicatore di Star Trek esiste davvero?

Da Berkeley, in California, arriva una nuova stampante 3D che ricorda per molti aspetti il celebre "replicatore" della saga di Star Trek

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

Non è una fedele copia, ma per molti aspetti ricorda il celebre replicatore di Star Trek: parliamo di una stampante 3D in grado di “scolpire” utilizzando la luce.

Nell’Universo fantascientifico di Star Trek il replicatore di materia a matrice molecolare era in grado di ricreare qualsiasi varietà di cibo o di oggetto inanimato, partendo dall’energia pura o da una materia inerte. La nuova stampante, pur arrivando a risultati simili, ha bisogno di materia prima da plasmare: utilizzando la luce, tuttavia, riesce a dare forma e modellare liquidi viscosi, e a creare anche opere molto complesse. Ad esempio, tra le sue “creazioni” più riuscite c’è anche una fedele copia in miniatura de ”Il pensatore”, la celebre statua di Auguste Rodin.

A pensare e realizzare la macchina è stato un gruppo di scienziati dell’università della California di Berkeley, guidato da Hayden Taylor.I miglioramenti rispetto alle tradizionali stampanti 3D sono sensibili: il  “replicatore” può produrre oggetti più flessibili, morbidi e complessi, e riesce a rivestire oggetti esistenti con materiali nuovi. In fase di sperimentazione, ad esempio, è stato usato per aggiungere un manico a un cacciavite di metallo, e a modificare protesi o lenti per gli occhiali.

Un altro cambiamento importante sta nel fatto che la nuova stampante non funziona sovrapponendo strati di materiale, evitando quindi il fastidioso effetto “a scalini” lungo i bordi della creazione, ma utilizza come ”inchiostro” un liquido viscoso: si tratta di una resina composta da polimeri liquidi, ovvero molecole sensibili alla luce e ossigeno disciolto.

I ricercatori hanno messo alla prova la nuova stampante realizzando oggetti dalle forme più svariate, inclusa un’arcata dentaria« Con la nostra tecnica non si hanno quasi scarti di materiale – aggiunge Hossein Heidari, uno dei ricercatori di Berkeley– e quello che avanza è riutilizzabile al 100%». Una scoperta, quindi, che fa sognare non solo gli appassionati di Star Trek e di tecnologia in generale, ma che rende felici anche gli ambientalisti. Secondo gli esperti del settore, infatti, le stampanti 3D sono destinate a cambiare la produzione degli oggetti di massa nei prossimi anni, e l’assenza di materiali di scarto fa decisamente ben sperare.

Il replicatore di Star Trek esiste davvero. O quasi

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti