Ricaricare il cellulare con un dito si può. Ecco come

Un team di ricercatori ha inventato una tecnologia che consente di ricaricare il cellulare con un dito

Presto potremo ricaricare il nostro smartphone semplicemente utilizzando un dito. Non si tratta di fantascienza, ma dei risultati della ricerca di un team di scienziati, che da tempo è al lavoro su una nuova tecnologia. Si tratta di un “nanogeneratore”, che gli studiosi hanno già utilizzato per far funzionare uno schermo touchscreen a cristalli liquidi, una tastiera flessibile e una banca di 20 luci Led. Il tutto è stato attivato senza l’uso di una batteria, ma solo con il movimento pressorio del dito.

“Siamo in cammino verso dispositivi indossabili alimentati dal movimento umano –  ha svelato Nelson Sepulveda, a capo del progetto in un’intervista pubblicata sulla rivista “Nano Energy” -. Quello che prevedo è che relativamente presto non avremo più bisogno per esempio di ricaricare il cellulare per una settimana intera perché l’energia sarà prodotta dal movimento”.

Tutto avviene grazie ad una specie di wafer in silicone – denominato Biocompatible ferroelectret nanogenerator o Feng – formato da vari strati di sostanze ecocompatibili. Gli ioni vengono aggiunti per far si che ad ogni livello del dispositivo siano presenti particelle cariche e che l’energia elettrica venga creata ogni volta che il device viene pressato dal movimento umano. Il Feng non è solo leggero, biocompatibile e flessibile, ma anche a basso costo e in futuro potrebbe divenire un “metodo promettente e alternativo per la raccolta meccanica di energia”.

Quando viene ripiegato inoltre il dispositivo diventa ancora più potente.  “Ogni volta che si piega – ha spiegato Sepulveda – aumenta in modo esponenziale la quantità di tensione che sta creando. Può diventare abbastanza piccolo da essere inserito nel tacco di una scarpa in modo che crei potenza ogni volta che il tallone tocca il suolo”. Il team di studiosi ora sarebbe al lavoro per sviluppare una nuova tecnologia che sia in grado di trasmettere ad un auricolare bluetooth l’energia generata da un tallone.

In collaborazione con Adnkronos

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti