Il riccio con la 'Sindrome del Palloncino': di cosa soffre

Un riccio che soffre della 'sindrome del palloncino' sta catturando l'attenzione del web: ecco di che cosa si tratta

14 Gennaio 2022
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: 123RF

Sul web sta circolando da qualche giorno l’immagine di un riccio inglese che soffre della ‘Sindrome del Palloncino’. Si tratta di una condizione piuttosto rara ma che causa non poca sofferenza all’animale che ne è affetto. Ma di cosa si tratta nello specifico? Andiamo a scoprire di cosa si tratta nello specifico.

Praticamente, la pelle del riccio in questione (soprannominato Bubbles e già diventato una piccola mascotte del web) è estremamente gonfia, tanto da essere arrivata a triplicare la taglia originale del piccolo mammifero. Una condizione probabilmente provocata da una infezione batterica. Il suo corpicino, in poche parole, non è in grado di espellere autonomamente i gas che produce, con il rischio di conseguenze serie o addirittura fatali.

Nel caso del piccolo Bubbles, ad essersi rivelato provvidenziale è stato l’intervento di un passante che, avendolo notato ai bordi di una strada per via delle sue dimensioni insolite, ha deciso di portarlo in un centro veterinario della contea di Bedfordshire, nell’Inghilterra orientale. Qui i medici hanno provveduto a sgonfiarlo tramite una piccola operazione che lo ha liberato dai gas in eccesso, sottoponendolo poi ad una cura di antibiotici per combattere l’infezione che ha causato la ‘sindrome del palloncino’.

Un riccio comune misura fino a 25–27 cm di lunghezza, per un peso che solo eccezionalmente supera il chilogrammo. Bubbles aveva invece raggiunto le dimensioni di un melone. Oggi, però, sta molto meglio dunque anche se non ha ancora recuperato completamente dal brutto shock. È assistito 24 ore su 24 dall’infermiera veterinaria Laura Bernal del The Little Hog Hospital, un rifugio dedicato proprio ai ricci. Non appena le sue condizioni faranno in modo che possa considerarsi guarito al 100%, il piccolo riccio sarà rilasciato in natura e potrà continuare a vivere tranquillamente la sua vita.

 

View this post on Instagram

 

Shared post on

.boxes3{height:175px;width:153px;} #n img{max-height:none!important;max-width:none!important;background:none!important} #inst i{max-height:none!important;max-width:none!important;background:none!important}

TAG:

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti