Rio 2016, si ubriaca prima della finale: rispedito a casa

Ennesimo singolare episodio in queste movimentatissime Olimpiadi

Fonte: Getty Images

L'Olimpiade di Yuri Van Gelder è finita anzitempo. Il ginnasta olandese è infatti stato espulso dal Comitato Olimpico dei Paesi Bassi e rispedito a casa con l'accusa di aver violato il codice etico interno.

Nonostante si fosse meritato l'accesso alla finale nella specialità degli anelli dopo un ottimo turno di qualificazione, l'esperto ginnasta, forse per stemperare la tensione, si è concesso una bevuta di troppo che gli è però costata assai cara.

La sera stessa delle qualificazioni, infatti, l'atleta ha lasciato il villaggio olimpico dove è rientrato la mattina seguente dopo aver alzato un po' troppo il gomito. Il Comitato Olimpico dei Paesi Bassi, dunque, di fronte a questa doppia violazione del proprio codice etico non ha potuto fare altro che escluderlo dai Giochi, dicendo addio a una potenziale medaglia.

Una decisione difficile per noi – ha spiegato il portavoce del Comitato Olimpico olandese, Maurits Hendriks -. Sportivamente parlando è un disastro, ma Yuri ma ha violato il nostro codice e non abbiamo altre scelte. Tutti gli accordi e le regole vanno rispettati. I nostri atleti hanno uno standard a cui devono attenersi e questo comportamento è inaccettabile”.

Solo pochi giorni fa anche alcune stelle di Team USA erano state pizzicate fuori dal villaggio olimpico. DeMarcus Cousins (Sacramento Kings), DeAndre Jordan (Los Angeles Clippers) e DeMar DeRozan (Toronto Raptors), erano entrati – secondo quanto riportato dal sito TMZ – in un celeberrimo bordello della capitale carioca, il Termas Monte Carlo descritto anche dalla rivista Rolling Stones come un locale con accesso permesso ai soli uomini e dove si può passare qualche ora di relax consumando drink e ascoltando musica.

I tre, che tuttavia potrebbero essere stati accompagnati da altri compagni di squadra, a quanto pare avrebbero consumato qualche drink prima di rendersi conto del luogo in cui si trovavano. In vino veritas. "Ah, ma noi pensavamo di essere finiti in una SPA", si sono giustificati i tre, che a dire il vero poi si sono allontanati in fretta e furia dal locale.

TAG:

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti