1, 1, 0, 2, 0, 2, 1 trend

#RIPJKRowling, il web di nuovo contro JK Rowling

Sotto accusa il nuovo romanzo della scrittrice, 'Trouble Blood', in cui un uomo cisgender indossa abiti femminili per uccidere le donne.

15 Settembre 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

È bastato l’annuncio del nuovo libro di JK Rowling per sollevare un polverone sul web contro la scrittrice, autrice della celebre saga dedicata ad Harry Potter. Tanto che su Twitter ha spopolato l’hashtag #RIPJKRowling, il che ha creato anche un momentaneo panico tra gli utenti del web. L’hashtag è infatti di quelli che solitamente circolano quando un personaggio noto viene a mancare, ma JK Rowling – va precisato – è per fortuna viva e vegeta, anche se sempre più al centro di un ciclone mediatico che sembra ormai impossibile da fermare.

Accusata nei mesi scorsi di razzismo dopo alcune dichiarazioni controverse e omofobe sui transessuali, JK Rowling continua ad essere accusata del medesimo ‘reato’. Il nuovo romanzo – che si intitola Trouble Blood e che è firmato con lo pseudonimo di Robert Galbraith – ha infatti come protagonista un uomo cisgender che indossa abiti femminili per uccidere le donne.

Una trama spinosa, considerando ciò di cui la scrittrice è stata accusata recentemente (ricevendo aspre critiche anche da parte degli attori della saga cinematografica dedicata al celebre maghetto) e che infatti viene rimarcata nella recensione del nuovo romanzo pubblicata su The Telegraph, diventata anche questa virale in men che non si dica.

La morale del libro sembra infatti essere quella di non fidarsi di un uomo travestito e, se anche la moralità e l’etica del romanzo fossero state fraintese, è indiscutibile che dipingere un transessuale come un pericoloso assassino di donne non fa del bene alla causa della scrittrice inglese.

Per cui, il web non ha avuto freni nel far circolare l’hashtag #RIPJKRowling per dimostrare tutto l’astio e la contrarietà nei confronti della scrittrice: c’è chi ha pensato che l’autrice fosse appunto scomparsa, prima di comprendere cosa stesse effettivamente accadendo sul mondo della rete.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti