Chi è Roberto Saita, concorrente di Sanremo Giovani

Le informazioni su Roberto Saita, uno dei finalisti della prossima edizione di Sanremo Giovani: ecco cosa c’è da sapere su di lui

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Con un repertorio che spazia dal pop al rock, dal funky al reggae e al blues, Roberto Saita è uno dei musicisti più versatili che parteciperanno a Sanremo giovani 2018.

Nato il 16 ottobre 1989, da madre Siciliana e padre Italo-argentino, Saita è uno dei 24 finalisti che saliranno sul palco dell’Ariston nelle finali di Sanremo Giovani il prossimo 20 e 21 dicembre. Il suo obiettivo? Quello di conquistare uno dei due posti in palio per la finale dei Big condotta il prossimo anno da Claudio Baglioni. E il ragazzo, di carte da giocare, sembra averne più di una.

Il talento di Roberto è limpido e cristallino sin dagli anni dell’infanzia: i genitori ne comprendono subito l’unicità, e lo spingono a seguire la strada della musica. Giovanissimo Saita inizia il suo percorso di musicista tra studi e serate in Svizzera, Paese in cui si è trasferito con la sua famiglia per motivi di lavoro.  Fonda quindi il suo primo gruppo, la Saita Band, e si dedica anche alle prime incisioni e ai primi progetti come solista. Attualmente il musicista si divide tra la Svizzera e il Kosovo per la realizzazione del suo primo album, che non ha ancora un titolo.

Il brano che Saita porterà sul palco dell’Ariston il prossimo 20 e 21 dicembre si intitola “Niwrad”. Questa strana sigla non è altro che il nome “Darwin” scritto al contrario: al centro della canzone c’è infatti un’amara riflessione sull’involuzione della specie umana, e su come siamo erroneamente portati a considerare che i meccanismi complessi siano più belli ed interessanti della semplicità. Persi in strani ed avulsi pensieri, gli uomini stanno perdendo di vista le cose più importanti, quelle che accadono sotto i loro occhi quotidianamente, ovvero “uno sguardo di un figlio, una mano che sfiora, una voce che tocca la pelle”. Piccoli piaceri che Saita con il suo brano vuole nuovamente riportare al centro delle vite di tutti: la composta platea di Sanremo si commuoverà davanti ad un messaggio così puro e sincero? Di certo la concorrenza è molto agguerrita, ma con temi così universali le possibilità di un successo sono sempre molto alte.

Chi è Roberto Saita, concorrente di Sanremo Giovani

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti