Roma, Ivanka Trump : "Che santo è?" Era Giorgio Chinaglia

In visita a Roma, Ivanka Trump ha così interrogato la titolare del ristorante, indicando una foto sul muro

Fonte: Twitter

La figlia del presidente degli Stati Uniti, Ivanka Trump, si è fermata a cena in una trattoria della capitale “Le Cave di Sant’Ignazio”, meglio nota come “Da Sabatino”. In compagnia di suo marito Jared Kushner e una decina di ospiti, c’erano anche una quarantina di persone, componenti della scorta. La trattoria è stata prenotata dall’ambasciata americana per la vicinanza al Phanteon, a Fontana di Trevi e a Piazza Colonna.

A fine serata, dopo un ricco menù composto da antipasti, due primi, un secondo a base di pesce e vini pregiati, Ivanka Trump ha posto la fatidica domanda. Non conoscendo Chinaglia, forse è stata tradita dalla posa dell’ex giocatore, con le braccia aperte e lo sguardo rivolto al cielo, oltre alla vicinanza della foto a un ritratto di Padre Pio e un crocifisso.

Il Fatto

“Che santo è?”. Con questa domanda, detta indicando una foto di Giorgio Chinaglia, scomparso nel 2012, Ivanka Trump si è congedata ieri sera dal ristorante ‘Le cave di Sant’Ignazio’. Il quesito è stato posto a Luigina Pantalone, proprietaria del locale insieme alle due sorelle. Sull’accaduto, dice “Le abbiamo solo spiegato che non si trattava di un santo, ma di un grande campione della Lazio.”

Strade chiuse per Ivanka

All’arrivo di Ivanka e del marito Jared Kushner, le strade adiacenti a piazza di Sant’Ignazio, dove erano a cena, sono state chiuse dai vigili urbani. Le forze di polizia hanno presidiato la piazza nel cuore di Roma, dove non era consentito l’accesso a nessuno. Secondo le interviste rilasciate dai proprietari della trattoria “Da Sabatino”, il menù è stato molto ricco.

Il menù

Il menù, ce lo racconta Loreta Pantalone, una delle proprietarie del locale: “Verdure gratinate, polpettine di vitella, prosciutto di Parma e mozzarella di bufala come antipasto. Poi tonnarelli cacio e pepe, ravioli ricotta e spinaci e per finire una grigliata mista di scampi e mazzancolle. Dolci, caffè e digestivi. Ivanka e il marito Jared hanno bevuto un Barolo Sammassi Marchesi di Barolo e un Pinot Grigio di Collavini.” Per caso, il vino non avrà contribuito alla gaffe della Trump?

Chi era Giorgio Chinaglia?

Soprannominato Long John, cresce in Galles dove inizia a giocare a calcio nello Swansea. Rientrato in Italia per il servizio militare, continua la sua attività calcistica nella Massese, poi all’Internapoli, prima di passare alla Lazio. Chinaglia diventa la bandiera della squadra capitolina, vincendo la classifica dei marcatori, nella stagione che vide i biancocelesti conquistare il tricolore. Muore in Florida nel 2012, ma la sua tomba è a Roma vicino a quella di Maestrelli, suo allenatore nell’anno dello scudetto.

TAG:

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti