Rooney, i guai non finiscono mai: l'incredibile motivo del suo infortunio

L'attaccante del Manchester United, già criticato per le foto che certificavano il suo stato di ubriachezza, protagonista di un'altra disavventura.

Fonte: Getty Images

Non è decisamente un periodo fortunato per Wayne Rooney. A lungo totem indiscutibile del Manchester United e della Nazionale inglese, in questa prima parte di stagione è finito spesso sul banco degli imputati, sia per ragioni calcistiche che extrasportive.

Per la prima volta è stata messa in discussione la sua titolarità. I Red Devils finora sono stati decisamente al di sotto delle aspettative: nonostante un mercato faraonico, che ha portato tra gli altri Pogba e Ibrahimovic, i risultati sono stati deludenti e José Mourinho non ci ha pensato due volte a mettere in panchina proprio Rooney, che alcuni anni prima avrebbe voluto con sé al Chelsea.

Anche in Nazionale i dubbi sull’attaccante non sono scomparsi, anche se il c.t. Southgate lo ha schierato dal primo minuto nel successo 3-0 con la Scozia. La prima disavventura è arrivata una settimana fa, nella notte tra sabato e domenica: insieme a molti compagni di squadra, ha festeggiato la vittoria con qualche bicchiere di vino di troppo, finendo completamente ubriaco. Le foto pubblicate dal Sun sono inequivocabili e gli sono valse il soprannome di “Wine Rooney”.

Ma c’è un altro particolare rivelato soltanto adesso dalla stampa britannica. Poco dopo la fine della partita con la Scozia, uscendo dalla doccia, Rooney è scivolato su una bottiglietta di una bibita energetica, facendosi male al ginocchio. E’ per questo motivo che non ha potuto prendere parte alla successiva amichevole con la Spagna, finita 2-2, con gli iberici che si sono salvati mettendo a segno due reti negli ultimi minuti di gara. Per fortuna non si tratta di niente di grave, ma è stata l’ennesima disavventura di un’annata storta. Wayne è pronto a tornare in campo per mettersi alle spalle tutti i problemi e le sfortune dell’ultimo periodo: si è parlato di un futuro negli Stati Uniti, ma lui vuole lasciare ancora il segno nel Manchester United.   

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti