Rossi e Lorenzo ora si ignorano

Le dichiarazioni dei due centauri della Yamaha in vista di Aragon: la tensione è palpabile

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Getty Images

Tensione mascherata da indifferenza. E’ lo stato d’animo che permea il team ufficiale della Yamaha in vista del Gran Premio di Aragona. Dopo il litigio seguito alla corsa di Misano, tra Valentino Rossi e Jorge Lorenzo è tregua armata, in vista del prossimo round di MotoGp che potrebbe accendere di nuovo gli animi.

Ecco quindi che le dichiarazioni della vigilia dai comunicati della Yamaha ignorano totalmente la questione.

“Volevo vincere a Misano, ma è stata comunque una corsa positiva – le parole di Valentino -. Nelle prossime gare faremo del nostro meglio per ottenere i migliori risultati, come abbiamo fatto a Misano”.

L’unica cosa che mi interessa ora è fare delle buone gare. Ad Aragona dovremo lavorare bene fin dal primo giorno, come abbiamo fatto per tutta la stagione. Questo tracciato ha curve veloci e frenate brusche, sarà importante avere il set-up migliore. Mi piace, e anche se non è uno dei miei favoriti, cercheremo di fare del nostro meglio”.

Queste le dichiarazioni di Jorge Lorenzo: “A Misano sono tornato sul podio dopo diverse gare negative, abbiamo lavorato molto bene anche se Rossi e Pedrosa sono stati più veloci di noi. Almeno abbiamo ottenuto un altro podio e il giusto set up”.

Ora c’è Aragona: “Questo tracciato non è mai stato adatto alla nostra moto ma negli ultimi anni siamo riusciti a vincere diverse volte quindi non si sa mai. specialmente questa stagione con i nuovi pneumatici può succedere di tutto. Sono contento di tornare a casa e voglio tornare ad assaporare il gusto del successo”.

TAG:

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti