Sai dove si butta la carta dell'uovo di Pasqua?

Terminate le feste pasquali è tempo di smaltire i rifiuti della uova di cioccolato

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Pasqua è passata e forse abbiamo ancora in giro per casa qualche avanzo di cioccolata delle uova. Se siamo stati così bravi da non spazzolare via tutto nel giro di due giorni e ci stiamo ancora godendo la prelibatezza delle uova di Pasqua, molto presto ci troveremo a fare i conti con un quesito: dove si butta l’incarto?

Come sempre è importante sapere dove smaltire i rifiuti, in modo da fare la raccolta differenziata nella maniera più corretta possibile e rispettosa nei confronti dell’ambiente. Ogni parte dell’uovo di Pasqua ha un posto preciso per essere smaltita: il bicchiere di supporto va chiaramente nella plastica, ma non è così scontato sapere esattamente dove va il resto.

Iniziamo dall’incarto, che può essere di plastica o di alluminio. Per capire la natura del materiale basta accartocciarlo. Qualora si tratti di plastica riprenderà la forma originale, e dovrà essere buttato ovviamente nella plastica. Se invece è di alluminio, va smaltito nella raccolta dell’alluminio e/o dei metalli.

Anche l’imballaggio può essere di due tipi: di poliaccoppiato di plastica e alluminio o di tessuto non tessuto. Il primo, contraddistinto da una parte interna argentata e una esterna colorata, va nella raccolta della plastica. Il secondo, morbido e resistente, deve essere buttato invece nell’indifferenziato.

Il nastrino di raso o di corda va nel secco. L’etichetta dell’uovo di Pasqua se è realizzata in carta va nell’apposito contenitore, qualora fosse in plastica invece andrà buttata nell’indifferenziato perché non è un imballaggio.

Dal momento che la cioccolata viene “smaltita” nella nostra bocca (e la qual cosa non è affatto un sacrificio, bisogna ammetterlo) rimane solo una cosa da esaminare: la sorpresa. Già, perché spesso può capitare che sia davvero deludente e non sapendo che farcene vogliamo buttarla. In questo caso, non trattandosi di un imballaggio, va dritta dritta nel secco residuo.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti