Sai qual è la distanza giusta per un selfie?

C'è addirittura uno studio incentrato sulla distanza esatta per realizzare un autoscatto

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Chissà quante volte avete provato a scattarvi un selfie per postarlo sui social, e quante volte vi siete trovati a doverlo cancellare perché il risultato non era esattamente quello sperato. Eppure avevate pensate a tutto: location, luci giuste, vi eravate persino sistemati i capelli e avevate tirato fuori dall’armadio l’outfit delle grandi occasioni.

Non solo: avevate trovato la didascalia perfetta con cui lanciare la foto (una di quelle massime filosofiche super inflazionate trovate su Google digitando: “Frasi da scrivere sui social” e senza alcun nesso con la foto stessa) ed eravate pronti a fare incetta di like provenienti dai marpioni che popolano Facebook e/o Instagram. Lo scatto, però, non vi soddisfa perché non vi rende giustizia. Il problema può essere la distanza a cui il selfie è stato realizzato.

Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista JAMA Facial Plastic Surgery infatti la distanza ottimale per fare ritratti che non alterino le caratteristiche del viso è di un metro e mezzo. Quando invece i selfie vengono realizzati a una distanza di 30 centimetri dal viso – che sono poi i più frequenti – finiscono per deturpare i connotati, a partire dal naso.

Lo studio del ricercatore Boris Paskhover e dei suoi colleghi della Rutgers New Jersey Medical School e della Stanford University in California ha creato un modello matematico per descrivere gli effetti distorsivi dei selfie scattati a diverse angolazioni e a diverse distanze.

Come? Inventando un modello geometrico ideale di un volto maschile e di uno femminile, partendo da un campione casuale di partecipanti di diversa provenienza etnica riproducendo i due volti “prototipo” su dei piani paralleli.

Così facendo i ricercatori hanno calcolato la distorsione del viso che si verifica quando ci si fotografa. A fare la differenza è la posizione della telecamera.

Se questa è a un metro e mezzo il viso non subisce nessuna modifica, se invece si trova a 30 centimetri di distanza, il naso subisce un aumento del 30% delle dimensioni negli uomini e del 29% nelle donne.

Il motivo è da ricercare nella prospettiva. Gli autori dello studio precisano che le conseguenze non sono da sottovalutare, in quanto vedersi diversi da come si è davvero può avere anche conseguenze psicologiche.

Lo dimostra il fatto che secondo un sondaggio dell’American Academy of Facial Plastic and Reconstructive Surgery Inc. del 2017, in America il 55% dei chirurghi plastici intervistati ha a che fare con pazienti che si rivolgono a loro per apparire più belli di come risultano nei selfie. Non resta allora che dotarsi di un bel bastone da selfie nella speranza che la distanza renda maggior giustizia.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti